di Camilla Sernagiotto

Gli Anta sono uno spauracchio per qualsiasi donna, non parliamo della seconda tornata, ossia quella dei Cinquanta

Eppure c’è qualcuno che li porta benissimo, senza nemmeno mostrare una rughetta che sia una: è Holly Golightly, il mitico personaggio a cui un’altrettanto mitica Audrey Hepburn ha dato i natali sul set di Colazione da Tiffany.

E proprio quest’anno il film diretto da Blake Edwards può spegnere la sua cinquantesima candelina: uscito nel lontano 1961, la pellicola più amata dalle fashion victim di ogni angolo del mondo è sempre sulla cresta dell’onda modaiola, non dimostrando affatto la sua veneranda età.

Ma più che il film in sé, c’è qualcos’altro che non smette mai di essere attuale: lo stile di Holly, un vero evergreen del Fashion che ammalia stilisti e aspiranti elegantissime.

Un outfit come quel tubino nero in pan dan con i guanti lunghi, la collana di perle e gli occhiali da sole che hanno dettato moda in tutti questi decenni è il non plus ultra della raffinatezza.

Così come l’acconciatura, il make up acqua & sapone, il cappello nero a tesa larga e quel sorriso mai sopra le righe hanno fatto la storia dello stile, la stessa storia che le Star di Hollywood studiano giorno e notte per sfilare sui Red Carpet a mo’ di Audrey

Da Victoria Beckham, il cui slogan preferito è “toglietemi tutto, ma non i miei tubini alla Hepburn!” a Chloe Sevigny, che ha trovato nei guanti lunghi un perfetto accessorio sia sensuale che elegante, le allieve di Holly Golightly hanno ripassato bene la lezione.

Ma mai e poi mai riusciranno a superare la maestra in questione: se il buon giorno si vede dal mattino, il buon stile si vede dalla colazione.

In assoluto quella da Tiffany.