GUARDA LA FOTOGALLERY

di Eva Perasso

Qual è la novità che fa più paura per la festa di Halloween 2011? Non un costume da fantasma né da giustiziere sanguinolento. Quest’anno a spaventare l’America è la mancanza di zucche, il simbolo – trasformato in lanterna, usato per cucinare dolcetti – della festa più divertente e dark dell’anno. Il che, tradotto in dollari, significa che le poche e introvabili che restano, costano molto care: anche il 75 per cento in più rispetto allo scorso anno, sia sulla costa est, che sulla quella ovest.

L’allarme arriva dai contadini americani, che già un mese fa iniziavano a fare i conti con un raccolto poco produttivo, e consigliavano di far presto ad accaparrarsi il frutto in vista della festa di fine ottobre.

PREZZI ALLE STELLE - La raccolta delle zucche (che inizia solitamente a fine agosto) quest’anno è stata disastrosa: pochi frutti, di piccole dimensioni, e interi campi rovinati, devastati dal fango. Molte le zucche spaccate in due. I colpevoli: dapprima il grande e inusuale caldo con la forte siccità di primavera, e poi i flagelli inattesi, di cui tanto hanno parlato le cronache, come quello dell’uragano Irene e dalla tempesta tropicale Lee arrivata subito dopo.
Un disastro contadino che tradotto in prezzi, ha fatto sì che i grossisti abbiano iniziato a vendere le cassette di zucche ai negozianti a partire da 120 dollari, mentre lo scorso anno il prezzo minimo era di 80. Nei negozi invece, il prezzo medio per chi ha la fortuna dio trovarne ancora una è di 10 dollari circa al chilo, per esemplari di 30 centimetri di diametro.

SOLUZIONI FAI-DA-TE - Mentre la preoccupazione per questo Halloween senza zucca si diffondeva, insieme con le cronache dei prezzi in salita e le lamentele dei produttori, in Rete però iniziavano a comparire le prime soluzioni fai-da-te. La zucca scarseggia? Le lanterne per illuminare le finestre della notte di Halloween si possono fabbricare anche in altri modi, sbizzarrendo la fantasia da verdurai che è in noi. Per esempio seguendo le istruzioni per scavare perfettamente e trasformare in luce una mela, o l’ultima anguria avanzata dall’estate, un pomodoro, o dei chicchi d’uva, anche se in questo caso serve mano ferma e precisione da chirurgo. D’altronde, prima che la zucca si diffondesse nei Paesi anglosassoni che festeggiano Halloween con la lanterna davanti a casa, le luminarie venivano ricreate usando grosse rape e barbabietole.
Senza scomodare la frutta e la verdura, comunque, si può creare un lumino fai-da-te trasformando i cartoni del latte in piccoli porta-candele, disegnandovi sopra un fantasma e bucandoli nel retro, per inserire la piccola candela. O ancora, usare qualche vecchia scatola di latta da traforare creando occhi e bocca, dedicarsi a dipingere sui palloncini arancioni, inserire la candela dentro a barattoli di vetro aperti e pitturati.
Per chi invece la zucca l’ha trovata, anche a caro prezzo, esistono video tutorial per imparare a scavarla perfettamente e creare la propria Jack-o-Lantern. E per i più esperti si può partecipare anche a gare di “extreme pumpkins”, creando zucche artistiche spaventose e sottoponendole al giudizio degli altri utenti.