GUARDA LA FOTOGALLERY

di Eva Perasso


Nel luglio 1518 a Strasburgo uno strano caso di follia collettiva colpì gran parte della popolazione, Una donna scese in strada e iniziò a danzare, e dopo poche ore venne raggiunta da altri, freneticamente intenti a muovere passi di ballo all’aria aperta. Le fila dei ballerini si ingrossarono e le autorità misero per le vie musicisti per dar loro ritmo e incoraggiarne le gesta, invece che tentare di sedare il movimento. Chi passava per le via della cittadina alsaziana godeva di uno spettacolo surreale, durato poi per oltre un mese, quando per via delle danze folli, l‘assenza di sonno, cibo, acqua, qualcuno addirittura morì. Mentre il fenomeno non fu mai spiegato totalmente, ma riportato dai libri come uno dei casi più interessanti e misteriosi di isteria collettiva.

Proprio ricordando questo episodio, e in onore di della signora Troffea (la donna che diede inizio alle danze), una artista e designer brasiliana, Niege Borges Alves, ha disegnato una serie di poster per insegnare a tutto il mondo i passi più amati del cinema a delle serie tv. Dieci trasposizioni su carta (disponibili sul Tumblr Dancing of Plague 1518) di quelli che, visti su grande schermo, ci hanno fatto venir voglia di alzarci e impararli a memoria, come davanti allo specchio. Ci sono classici, novità, serie tv americane, intramontabili balletti che hanno fatto la storia della dance.

A partire dai passi di Time Warp, momento clou del Rocky Horror Picture Show, quando la diabolica e rossa Magenta accoglie la coppia di sposini spaventati. I passi descritti sono quelli che i transilvani compiono nel ritornello.

The Rocky Horror Picture Show – Time Warp



Seconda scena: il ballo del pollo (video), esilarante momento di diversi episodi della sit-com americana Arrested development (arrivata in Italia anche col titolo “Ti presento i miei”), uno dei passi più semplici da ripetere a casa. Terza scena, ancora da una serie tv: il balletto in puro stile Billy Elliot di Bret, uno dei componenti della band che dà il nome alla serie, Flight of the Conchords, in Italia trasmessa da Mtv.

Flight of the Conchords – Bret’s angry dance



E ancora, per continuare sui serial, c’è il ballo (video) di Six Feet Under del protagonista David Fisher versione cabaret, o la divertente performance (video) di Elaine a sorpresa, nel bel mezzo di una festa, nella sit-com statunitense The Seinfeld.

Per passare ai grandi classici intramontabili: da Singin’ In The Rain (Cantando sotto la pioggia) e l’omonimo canzone ballata con l’ombrello in mano da Gene Kelly, anno 1952, a Pulp fiction di Tarantino e al twist sulla pista da ballo tra Mia Wallace (Uma Thurman) e Vincent Vega (John Travolta), arrivando al gran finale del musical Chicago versione film del 2002, con l’indimenticabile stacchetto tra la Zellweger e la Zeta Jones.

Pulp fiction – You never can tell



Singin’ in the rain - Singin’ in the rain



Chicago – Nowadays



Ma l’artista brasiliana non disdegna nemmeno due icone pop di ultima generazione: si tratta del re dei nerd Napoleon Dynamite, i cui passi sulle note di Canned Heat di Jamiroquai sono difficili da dimenticare, e lo spogliarello della piccola Olive nel finale di Little Miss Sunshine, quando la bimba sbaraglia le concorrenti grazie allo strip tease provato con il nonno.

Little Miss Sunshine – Super Freak



Napoleon Dynamite – Canned Heat