di Camilla Sernagiotto

Verba volant, scripta manent.

E le immagini?

Nessuno ha mai pensato a che fine fanno i disegni: se le parole dette volano e quelle scritte rimangono, che fine fanno invece quelle raffigurate?

Secondo la filosofia di Tattly, rimangono per un po’ per poi svanire dopo qualche lavaggio…

Stiamo parlando dei tatuaggi temporanei del sito Web che sta spopolando tra i design-dipendenti all’ultimo stadio: Tattly.com, il cui “sottotitolo” recita appunto Designy Temporary Tattoos.

Chiunque stia pensando agli orribili tatuaggi che si trovavano nei pacchetti di patatine negli Anni Ottanta, smetta immediatamente di ricordare la propria adolescenza e dia un’occhiata alle decorazioni epidermiche offerte da Tina Roth Eisenberg, fondatrice dello studio di design che sta alla base del sito.

Stufa di vedere quegli obbrobri tatuati sulla pelle del proprio figlioletto, appunto quelli che ancora si possono trovare nei pacchetti di patatine ormai scadute, la Eisenberg ha avuto l’idea geniale di offrire una seconda chance ai tatuaggi temporanei.

Chiamando a raccolta la crème de la crème dei designer sparsi per il mondo, ha trasformato le illustrazioni più cool in fogli da imprimersi sulla pelle con l’ausilio di una spugnetta imbevuta d’acqua.

I soggetti sono ovviamente quelli più in voga nel panorama del design di oggi: dai colori Pantone ai caratteri tipografici, dalle Polaroid vintage agli orologi elettronici targati Golden Eighties, finalmente i Nerd super chic, gli intellettualoidi tutti vernissage & mercatini dell’usato, le modaiole a cui “togliete tutto ma non il brunch domenicale nel localino più in” e tutti gli appassionati di tatuaggi troppo fifoni per sopportare l’ago del tatuatore possono cantar vittoria!

Questo grazie a Tina Roth Eisenberg, la paladina del tattoo glam che sforna quotidianamente creazioni adorabili.

I veri addicted la seguono ogni giorno sul sito e sul suo blog con una sola frase in testa: “dacci oggi il nostro design quotidiano”.