Tenetevi pronti, perché tra poco si parte: il viaggio di Christian Vieri e Marco Delvecchio alla scoperta delle danze più appassionanti del mondo parte il 18 aprile su Sky Uno (canale 109): prima tappa di Bobo & Marco - I re del ballo sarà la leggendaria Cuba. Che non è famosa solo per i ritmi della salsa, coi quali si cimenteranno i nostri due campionissimi nel corso della puntata, ma anche per tante altre cose. Ecco, in breve, i simboli dell'isola caraibica.

Visto che il punto di partenza è la salsa, cominciamo con la musica, che pervade letteralmente l'isola di Cuba. Se infatti visitate città come L'Avana o Santiago, sentirete qualcuno che suona praticamente ovunque. Questa passione per il ritmo è testimoniata dal film-documentario Buena Vista Social Club di Wim Wenders, in cui viene seguito lo sforzo di Ry Cooder per riunire i più talentuosi musicisti cubani del momento. Tra questi, figure storiche come Compay Segundo, Ibrahim Ferrer e Omara Portuondo. Del resto, l'influenza dei suoni cubani e di generi come la rumba sulla musica internazionale è assodata da tempo. E chi non ha mai cantato in maniera sguaiata Guantanamera, trasposizione in musica dei versi del poeta ed eroe nazionale Jose Martì, almeno una volta nella vita?

C'è una “nuvola” sull'assolata Cuba. La nuvola del fumo dei celebratissimi sigari prodotti a mano nell'isola. Così apprezzati che quando si parla di cubani, senza ulteriori specifiche, risulta evidente che si tratti proprio di sigari. Anche quelli fabbricati nelle vicine isole caraibiche si difendono bene, ma molti pensano che quando scendono in campo gli originali, non ci sia storia. E sempre a proposito di vizi, Cuba è famosa anche per i suoi cocktail, con il Mojito tanto amato da Hemingway in prima linea, seguito da altri due grandi classici come il Daiquiri e il Cuba Libre.

Negli sport, i cubani si sono sempre difesi piuttosto bene. Ma se c'è una disciplina in cui i compatrioti di Ariel Pestano (una medaglia d'oro e due d'argento alle Olimpiadi) eccellono e che fa impazzire tutta l'isola, è il baseball. E dire che quando si parla di baseball, viene spontaneo pensare agli Stati Uniti. Ma la storia cubana è piena di giocatori di enorme talento, alcuni dei quali hanno fatto fortuna proprio nella Major League americana.

Non tutti la penseranno allo stesso modo in proposito, ma la rivoluzione cubana combattuta tra il 1953 e il 1959 ha segnato l'immaginario collettivo del XX secolo e ha reso celebri i guerriglieri dell'isola caraibica. In testa, ovviamente, la figura leggendaria, trattata in decine di film e stampata su milioni di poster e magliette, di Ernesto “Che” Guevara, argentino di nascita ma cubano ad honorem. Anche grazie a lui, la sommossa guidata dal futuro Lider Maximo Fidel Castro contro il dittatore Fulgencio Batista ha fatto di Cuba l'unica enclave comunista nel seno dei Caraibi, in barba all'ostilità degli Stati Uniti. Le gesta del Che sono raccontate in una popolare canzone di Carlos Puebla, Hasta Siempre, Comandante.

Con questo bigino sui simboli cubani, siete pronti ad affrontare il viaggio verso i Caraibi assieme a Marco e Bobo: l'appuntamento è per il 18 aprile su Sky Uno!