di Camilla Sernagiotto

In ogni vizio c’è sempre il suo nome infilato in mezzo, dai sigari cubani al cocktail Cuba Libre.
Le sue abitanti pare siano la quintessenza della bellezza, la stessa che si ritrovano attorno non appena alzano lo sguardo e fanno una panoramica su ciò che le circonda: mare meraviglioso, città incantevoli, natura rigogliosa…

Cuba è l’El Dorado, l’Eden, il paradiso terrestre in cui, prima o poi, l’uomo deve poggiare il piede.
E, oltre a poggiarlo, dovrà muoverlo a ritmo di danza, visto che Cuba è anche la terra dei ballerini più bravi e passionali che esistano.

Lo sanno bene Bobo Vieri e Marco Delvecchio, protagonisti della nuova eccitantissima avventura targata Sky Uno HD che dal 18 aprile terrà incollati allo schermo gli amanti della salsa, rumba, tango & co.
Proprio da Cuba, infatti, partirà il loro viaggio che farà tappa in ogni patria delle varie tecniche di danza.

A chi venisse in mente di seguire il loro esempio, fare fagotto e prendere il volo alla volta dell’isola caraibica più inebriante che esista al mondo, ecco i must visit da segnarsi.

- L'Avana: in quanto capitale (e in quanto città meravigliosa), non si può certo non visitarla da cima a fondo. Le cose da vedere sono tantissime: Plaza Vieja, la Catedral de San Cristobal con la sua piazza (Plaza de La Catedral, appunto), il Museo Nacional de Bellas Artes de Cuba, il Gran Teatro, El Morro, la Bodeguita del Medio, il Museo de arte colonial, la Plaza de Armas, il Seminario de San Carlos y San Ambrosio, il Parqque Central, il Palacio de los Capitanes Generales, il Templete e alcune strade davvero uniche come Calle Obispo, Calle Oficios e Calle Enna…
C’è poi l’imperdibile Museo de la Revolucion, il Necropolis Colon (ossia il cimitero monumentale), il Palacio del Segundo Cabo e il Castello de la Real Fuerza, giusto per citare le principali. È da vedere tutto!

- Baracoa: è il più antico stanziamento europeo di Cuba nonché una cittadina davvero deliziosa. Tra palme a perdita d’occhio e un mare da sogno, l’atmosfera tranquilla che qui aleggia è perfetta per una vacanza in pieno relax. Da visitare assolutamente sono i tre forti: Fuerte Matachín, che oggi ospita il museo municipal, Fuerte de la Punta (adesso è un ristorante) e El Castillo de Seboruco, che è stato trasformato in un albergo in cui sarà piacevolissimo soggiornare.

- Provincia di Pinar del Río: è la regione situata presso l’estremità occidentale dell’isola e fa gola ai nature addict, ai fanatici del trekking, ai golosi di escursioni e agli speleologi in erba. È ricchissima di grotte calcaree sotterranee che raggiungono addirittura la lunghezza di oltre venti chilometri.

- Santiago de Cuba: contende all’Avana il primato di capoluogo cubano di musica, letteratura e politica, quindi è una tappa obbligata di chi intende fare una Via Crucis culturale. Qui sorgono i palazzi e i musei più antichi dell’isola e sarebbe un sacrilegio lasciarsi scappare una visita alla Casa de Diego Velázquez e al Museo Municipal Bacardí. Gettonatissimo è pure il Cementerio Santa Ifigenia dove sono sepolti parecchi rivoluzionari tra cui il celebre José Martí (il suo corpo imbalsamato è in esposizione).

- Trinidad: qui troverete i migliori musei dell’isola, tra cui spiccano i nomi del Museo Histórico Municipal e del Taller Alfarero, un enorme laboratorio di ceramica in cui vengono impiegate ancora le tecniche di lavorazione tradizionali.

- Bayamo: è piena zeppa di località interessanti a livello storico (tra cui il luogo dove venne ucciso José Martí). Qui sorge anche uno dei più grandi parchi nazionali cubani, il Gran Parque Nacional Sierra Maestra. In centro potrete visitare il meraviglioso Parque Céspedes, concedendovi una pausa di relax ristoratore all’ombra di alberi maestosi.

- Isla de la Juventud: si tratta della più grande isola dell’arcipelago de los Canarreos. Per chi ama la tranquillità e la natura selvaggia e incontaminata, questo è davvero l’Eden che stava cercando. Per non parlare degli appassionati subacquei, che qui troveranno la propria Home Sweet Home: lungo lo strapiombo della Costa dei Pirati (Punta Frances) è possibile godersi immersioni davvero uniche e irripetibili.
Gli amanti dell’arte e dei suoi derivati (o antenati) potranno invece visitare le tante grotte decorate con pitture rupestri indiane che si trovano a Punta del Este.

Ora non vi resta che preparare la valigia.
E ripassare qualche passo di salsa in compagnia di Bobo e Marco!