di Marco Agustoni

Non c'è tempo di riprendersi dalle meraviglie cubane, che già Bobo Vieri e Marco Delvecchio sono pronti ad affrontare un'altra tappa  del loro viaggio danzante in giro per il mondo. La prossima puntata dello show di Sky Uno Bobo & Marco - I re del ballo, infatti, si svolgerà a Vienna, la fascinosa capitale dell'Austria, nonché del valzer. E se per gli episodi precedenti vi avevamo suggerito di sorseggiare uno dei leggendari cocktail di Cuba, questa volta per seguire come si deve i nostri eroi vi proponiamo di gustare uno degli altrettanto celebri dolci austriaci.

Sacher – La torta al cioccolato per eccellenza. E qui non sono ammesse discussioni. Lo sa bene Nanni Moretti, la cui passione per il dolce austriaco è tale da indurlo a chiamare la sua casa di produzione cinematografica Sacher Film (senza contare il celebre "Continuiamo così, facciamoci del male", rivolto da Moretti a un malcapitato che non ha mai assaggiato la torta in questione). L’intuizione della Sacher è semplice ma geniale: coniugare la golosità del cacao con la delicatezza della marmellata di frutta. Su questo semplice assioma si fonda la torta, al suo morbido interno farcita con uno strato di composta all’albicocca, all’esterno glassata di cioccolato fondente. Il merito di questo dolce leggendario va al pasticcere viennese Franz Sacher, che inventò il suo cavallo di battaglia in giovane età, si dice facendo addirittura esultare di gioia il cancelliere di Stato Klemens von Metternich. Volete cimentarvi? Ecco la ricetta di Dolce Pasticceria.

Strudel di mele
– Un grande classico di origine austro-ungarica, oggi ampiamente diffuso in tutta l’Europa di lingua tedesca, nonché nel nostro Sud Tirolo. Al di sotto dell’apparenza ordinata della pasta sfoglia, spolverata a piacere di zucchero a velo, si cela infatti un caos gustoso di pezzetti di mela cotta, uvette, zucchero e cannella in polvere. Viene spesso servito accompagnato da gelato alla vaniglia e/o panna montata. Date retta a Ricettepercucinare e riuscirete a sfornare uno strudel impeccabile.

Linzer – Un’altra torta di gran classe, che gareggia con la Sacher in quanto a golosità. Come suggerisce il nome, però, questo dolce è originario della cittadina di Linz. Della Linzer, tra l’altro, è conservata una ricetta di oltre trecento anni fa, risalente al 1653, il che testimonia come già nei secoli passati, per addolcire la dura vita di tutti i giorni, fossero soliti mangiarsene una generosa fettona. Cosa serve per prepararla? Per lo più burro, zucchero, farina, cannella, nocciole, scorza di limone e marmellata (di mirtilli rossi o neri, possibilmente, ma anche di prugne, lamponi o albicocca). Se comunque avete bisogno di una guida, potete affidarvi alle istruzioni di Ricettedellanonna.

Kaiserschmarren – Immaginate una crêpe obesa fatta a pezzetti e cosparsa di zucchero a velo e marmellata: ecco, bene o male avete ottenuto una Kaiserschmarren, il cui nome significa “frittata dell’Imperatore”, ma anche, volendo, “sciocchezza dell’Imperatore”. L’aspetto è inquietante, ma il sapore è ottimo. Potete imparare a farla con la ricetta di MontagnaEstate.

Salzburger Nockerln - Specialità di Salisburgo, come suggerisce il nome stesso, il Nockerln in questione è un soufflé costituito da tre cupole attaccate, che simboleggiano le tre colline della città austriaca (magari con un'aggiunta di zucchero a velo a rappresentare la neve che spesso le imbianca). Come tutti i soufflé che si rispettino, richiede una certa abilità: il rischio, si sa, è che il prodotto finale risulti un po'... giù di tono. Se volete comunque cimentarvi, potete seguire i consigli del blog Uccidi un grissino... salverai un tonno.

Krapfen - Spesso, all'estero, il suo nome rimanda alla città di Berlino, ma il krapfen è di casa tanto in Germania quanto in Austria. Essendo praticamente fratello del nostro bombolone, necessità di poche spiegazioni: è una specie di palla di pasta fritta riempita di marmellata (di albicocche, prugne, mirtilli...) e guarnita di zucchero a velo, con varianti piene di crema o panna. Potete provare a farli in casa seguendo le istruzioni di Foodbloggermania.

Kipferl alla vaniglia – Gli appetitosi Kipferl compaiono in molte varianti, ma quelli alla vaniglia sono forse i più conosciuti. Questi biscotti a forma di ferro di cavallo, tipici di Vienna, dove vengono preparati soprattutto nel periodo dell’Avvento, prima di Natale, sono piuttosto semplici da preparare e richiedono solo farina, (abbondante) burro, zucchero, mandorle, uova e vanillina. Una spolverata di zucchero a velo renderà il tutto perfetto. Potete prepararli con questa ricetta di GialloZafferano.