di Floriana Ferrando

Prima c’era il Chihuahua. Poi è stata la volta del Pulcino Pio, fino ad arrivare la scorsa estate alle note elettroniche dei Daft Punk che con la loro Get Lucky hanno fatto piazza pulita di cani e pennuti. Quest’anno, invece, chi guadagnerà lo scettro di re dell’estate? La webzine Vulture si è divertita a selezionare sette possibili candidati, quelle canzoni cioè che canteremo sotto la doccia, balleremo in spiaggia e che riempiranno ogni radio fino a far gridare pietà alle nostre orecchie.

Che dire di un piacevole mix fra musica dance e melodie anni Ottanta? Il titolo di tormentone estivo è talmente ambito che Justin Timberlake ha addirittura osato disturbare il sonno di Michael Jackson. Fra le hit favorite c’è Love Never Felt So Good, brano registrato nel lontano 1983 dal Re del Pop ma pubblicato per la prima volta solo quest’anno all’interno dell’album postumo “Xscape” dove è presente, oltre alla versione originale, anche quella remixata ad opera di Timberlake.



L’estate che sta per iniziare sarà tutta da ballare. A fare concorrenza a Jacko spunta un duetto al cardiopalma: Ariana Grande con l’aiuto dell’ugola della giovane rapper Iggy Azalea prova a sbaragliare la concorrenza con il brano Problem. Il loro punto di forza? Il sassofono in sottofondo che dona alla hit un delizioso sapore retrò.



Si esibirà pure in solitaria, ma c’è da scommettere che Ed Sheeran darà del filo da torcere ai colleghi. La sua Sing su YouTube (c’è solo la traccia sonora, per il momento) ha già collezionato oltre 7 milioni di visualizzazioni in appena una settimana dalla messa online.



Se da una parte a gorgheggiare sono le icone del pop, quelle il cui successo è già stato consacrato da orde di fan, dall’altra parte spuntano nomi meno noti che rischiano di diventare delle vere rivelazioni. È il caso della giovane australiana Iggy Azalea, che sulla scia del successo della collaborazione con Ariana Grande, sta scalzando la concorrenza: la sua Fancy nella Hot 100 stilata da Billboard è già in quarta posizione. Dunque, teniamo d’occhio la biondina tutta rime e minigonne.



Infine, qualcuno punta (ancora) su Pharrell Williams. Certo, la sua Happy ha sbancato durante la stagione invernale, rimanendo in vetta alle classifiche per ben dieci settimane e lanciando online un vero tormentone virale, ma non sarà ormai superata?