Sabato 21 febbraio 2015 dalle ore 20, Classica HD (Sky, canale 138) trasmette in diretta esclusiva dal Teatro alla Scala di Milano l'Aida di Giuseppe Verdi. L’opera sarà introdotta da Silvia Corbetta e Francesco Maria Colombo dalle ore 19.45 con interviste e commenti dal foyer.

Classica HD offre una poltrona in prima fila per il titolo verdiano per eccellenza, che nel corso degli anni, proprio nel tempio della lirica milanese, è stato protagonista di storici trionfi. Dopo gli sfarzosi spettacoli firmati da Franco Zeffirelli, per l’inaugurazione del 7 dicembre 2006 e la ripresa dell’edizione storica del 2012 con le scene dipinte da Lila De Nobili, Aida torna alla Scala a pochi mesi dall’apertura di Expo 2015. L’opera verdiana rinasce in un nuovo allestimento firmato dal regista Peter Stein che costruisce la tragica fiaba archeologica, ambientata nella valle del Nilo, partendo dalle complesse relazioni tra i personaggi, per svelare il carattere intimista di un capolavoro simbolo del melodramma italiano. Alla testa dei complessi scaligeri ci sarà Zubin Mehta, direttore raffinatissimo nello svelare l’intensità del dramma di Aida, contesa tra l’amor di patria e la passione per il guerriero Radamés.

La nuova produzione del Teatro alla Scala saprà coniugare la maestria di un grande musicista e l’efficacia drammatica di uno dei registi teatrali più acclamati del nostro tempo. Nel cast Carlo Colombara, Anita Rachvelishvili, Kristin Lewis, Fabio Sartori, Matti Salminen e George Gagnidze. La produzione dell’opera, curata da Classica con la regia televisiva di Tiziano Mancini, offrirà ai clienti Sky Aida in Alta Definizione con 10 telecamere rivolte sul palcoscenico. Prima dell’alzata di sipario, l’evento sarà raccontato anche dal foyer del Teatro alla Scala, dove Silvia Corbetta e Francesco Maria Colombo incontreranno il sovrintendente Alexander Pereira e volti noti della cultura e dello spettacolo. Nell’intervallo tra il secondo e il terzo atto Classica HD proporrà una serie d’interviste ai protagonisti, scoprendo i retroscena dell’opera con i contributi del regista, del direttore d’orchestra e dei principali interpreti.