Sono mamme ma prima di tutto figlie. Hanno chiari i valori della famiglia perché loro danno la vita. Il sesso debole, l’altra metà del cielo, loro sono le donne. Amate e odiate, le donne non hanno mai smesso di combattere la loro battaglia. E' infatti in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne lunedì 25 novembre, data scelta in onore delle sorelle Mirabal, attiviste della Repubblica Dominicana uccise il 25 novembre 1961 per la loro opposizione al regime dittatoriale, che arriva su Crime +Investigation (canale 118 di Sky), Bill Cosby mi ha molestata.


Protagoniste assolute dello speciale sono le donne vittime delle violenze sessuali commesse dall’attore afro-americano. “Se una donna afferma di essere stata vittima di una violenza sessuale, adotta l’arma più potente di qualsiasi altra nella lotta contro lo stupro”: così si legge nello del New York Magazine che, per primo, ha raccolto le testimonianze delle vittime. Da questo concetto fondamentale le donne incominciano ad aprirsi davanti alle telecamere di Crime+Investigation, permettendo di ricostruire il lato oscuro della vita e della carriera dell’attore afro-americano.


La sceneggiatura rispecchia perfettamente il copione, sempre uguale, sempre troppo fedele a quella realtà che accade spesso tra le mura domestiche quando le mogli, amanti, figlie vengono maltrattate dall’uomo che le ha amate, quello stesso uomo che agli occhi della gente è padre e marito esemplare.


Così è stato per Bill Cosby, noto in tutto il mondo per le serie quali I spy e The Cosby Show, in Italia conosciute rispettivamente con il titolo di Le Spie e I Robinson. Una famiglia felice quella dei Robinson che però non rispecchiava la vita privata di Cosby. Lui e quel tremendo segreto che lo ha accompagnato per tutta la sua carriera e che ad oggi ha dato voce a circa cinquanta donne che lo accusano non solo di abuso ma anche di averle drogate.


Ma le attività legate alla giornata contro la violenza sulle donne non finiscono qui. Il 25 novembre a raccontare la propria esperienza saranno Cinzia Vettori, Irene Eschini, Paola Melotti e Suvada Muratovic.
Legate da un medesimo destino fatto di abusi e violenze da parte del proprio fidanzato o marito, queste quattro donne sono riuscite a salvarsi, a fuggire dalla violenza del compagno, a rifarsi una vita grazie all’intervento di Differenza Donna, l’associazione no profit da anni impegnata nella lotta contro la violenza di genere. E ora le loro storie sono al centro della campagna sociale Ho trovato il coraggio, firmata da Crime+Investigation (canale 118 di Sky) insieme a Differenza Donna. Quattro storie drammatiche che illuminano uno dei lati oscuri della società italiana, ma che vogliono comunque trasmettere un messaggio positivo: dalla violenza si può uscire.
 

Supportare le iniziative dell’associazione è possibile contribuendo con una donazione online da effettuare sul sito www.differenzadonna.it. Le testimonianze integrali saranno poi raccolte in uno speciale di un’ora in onda il 20 dicembre alle 22.00.