Con il Don Carlo di Giuseppe Verdi, diretto da Daniele Gatti, ha preso il via il 7 dicembre la stagione di Opera e Balletto 2008-2009 del Teatro alla Scala di Milano. Un Don Carlo che ha spaccato l’opinione pubblica. All’inizio del secondo atto, infatti, dal Loggione sono arrivati molti fischi e 'buu' rivolti al direttore d'orchestra Daniele Gatti e al regista, mentre la platea ha applaudito per 8 minuti. Situazione che si è ripetuta per tutta la serata. Pubblico diviso anche sul tenore Stuart Neill, che ha preso il posto di Giuseppe Filianoti, sostituito con un colpo di scena all’ultimo minuto, e sugli altri personaggi. Tra i più acclamati Dolora Zajick nel ruolo della principessa di Eboli. “E’ stata una vigilia complicata, ma la serata è stata bella”, ha affermato il direttore d’orchestra Daniele Gatti al termine dello spettacolo.

Atmosfera ben diversa al secondo spettacolo (10 dicembre) caratterizzato da 6 minuti di applausi a scena aperta per i cantanti. Ma gli applausi sono stati soprattutto per il direttore d'orchestra Daniele Gatti, quasi a risarcimento delle contestazioni arrivate a Sant'Ambrogio. Solo per Anatolij Kotscherga, che ha interpretato il Grande Inquisitore, è arrivato alla fine qualche flebile "buu".
Il video è un estratto del secondo atto, preso dalla diretta di Classica (canale 728 di SKY).

SULLA PRIMA AL TEATRO ALLA SCALA LEGGI ANCHE:

Il Don Carlo: che emozione! Intervista al direttore d'orchestra Daniele Gatti

Scala. La prima della prima per i giovani a 10 euro

Scala. Il palcoscenico, le luci, la platea. La fotogallery

La prima della Scala in diretta su SKY

Scuola. I bambini cantano per la loro prima


Scala. Una "prima" contro la Gelmini