Axl Rose alza la voce. E nel peggiore dei modi. Insultando i fan che lo hanno sempre sostenuto nel periodo della sua latitanza dal mondo. Uscito da quella turris eburnea che è il suo ranch ai confini di Los Angeles, Axl Rose ha prima sfornato Chinese Democracy, un album atteso 15 anni e costato circa 13 milioni di dollari, quasi uno a canzone. Poi, quando la casa discografica ha subodorato che scalare le classifiche era difficile e gli ha chiesto di impegnarsi in un'attività di promozione, è sparito: per due mesi non ha risposto al telefono. E ora ha deciso di aggredire, via internet, i fan. Quel che resta dei Guns ha insultato i suoi ammiratori pochi secondi dopo avere letto sul sito www.mygnrforum.com che un poster commercializzato dal gruppo era noioso. Imbestialito Axl Rose si è infiltrato nel forum indirizzando una serie di insulti al malcapitato: Tu sei solo un piccolo stronzo e da quando hai cominciato a inviare i tuoi commenti hai dimostrato di essere solo un piccolo sstronzo. Le tue accuse alla cieca, i tuoi insulti da codardo e i piagnucolii da istigatore non impressionano nessuno né tanto meno sono richiesti. E' stato questo il cordiale commento di un Axl imbestialito. Non ancora pago s'è scagliato contro un altro fan: Non sono uno di quelli che ha bisogno di una donna delle pulizie per pulirsi il culo, come te. Quando un altro ha pubblicato un messaggio di solidarietà ad Axl, che si nascondeva dietro lo pseudonimo Dexter, spostando l'attenzione sulle responsabilità di Rose nel fare concerti e inventare musica che piaccia, il rocker si è arroccato dietro le labili linee dell'incomprensione cosmica: Non lavoro per te. Quello che pensi non basta a rendere vero quello che dici. C’è qualcun altro che vuole dirmi qualcosa? Cosa credete di sapere del mio mondo di oggi? Le vostre sono fantasie e illazioni. Nessuno può capire cosa sto passando.