Dieci anni fa, l'11 gennaio 1999, moriva Fabrizio De Andrè. Un artista geniale e unico. Infatti, non capitano spesso artisti così completi e lungimiranti: Faber è stato ed è una stella polare per tutti i musicisti e gli amanti di un po' di sano spessore emozionale e creativo, musicale e poetico. Per questa ragione, molti musicisti celebri (e non) hanno reinterpretato le sue canzoni e inciso album composti principalmente da canzoni del cantautore genovese.

In tanti casi non si tratta solo ed esclusivamente di un tributo a un interprete per certi versi irraggiungibile ma forse anche di un desiderio inconscio di avvicinarsi ad una delle figure più importanti e rivoluzionarie della nostra musica. Perchè le canzoni di De André non sono mai banali nè scontate. Non è solo una questione poetica, ma anche di contenuto, di punti di vista. Le sue altissime capacità liriche sono state messe al servizio di una altrettanto alta libertà di pensiero, di una capacità non comune di spingerci verso territori fino ad allora mai toccati dalla musica popolare italiana. Ed è anche per questo che, ancora oggi, i suoi versi e le sue note continuano a commuovere e la sua figura viene tanto celebrata.

Lunga è la lista dei cantanti che si sono cimentati con le canzoni di De Andrè. Da Mina a Vasco Rossi, da Franco Battiato ai tributi di Morgan, dalle rinterpretazioni di Jovanotti, ai pezzi riproposti dalla Pfm.

Eccone alcune interpretazioni:

Mina - La Canzone di Marinella

Vasco Rossi - Amico Fragile

Afterhours - La Canzone di Marinella

Franco Battiato e Morgan -
La Canzone dell'amore perduto

Massimo Bubola - Sally

Zucchero - Ho Visto Nina Volare