di Paolo Nizza

Sono passati 40 anni da quella notte. Ma Brian Jones, al pari dello spettro di Banquo, continua a turbare i sogni di chi credeva e crede nel rock’n’roll.
Quella morte per acqua segnò l’inizio della fine.
La scomparsa della rockstar ventisettenne dal caschetto biondo, basso di statura ma dal grande carisma, coincise con l’apparizione del lato oscuro dell’utopia Hippy.
Dopo quell’incidente niente sarebbe stato più come prima. In pochi mesi le fragole si colorarono sangue. Venne il tempo degli assassini scandito dalla strage di Bell’Air compiuta da Charles Manson e la sua famiglia e dal concerto di Altamont dei Rolling Stones in cui gli Hell’s Angels massacrarono un giovane ragazzo nero. I figli dei fiori erano diventati i figli di Satana.

Di questa spaventosa trasfigurazione parla Sway di  Zachary Lazar (Einaudi stile libero, 18 euro).
Miscelando cronaca e fantasia, l’autore crea un cocktail esplosivo che trasporta il lettore in un mondo decadente e luciferino
La musica dei Rolling Stones, i film underground di Kenneth Anger e gli omicidi di Charles Manson si intrecciano in una vertiginosa danza macabra.
Il conflitto tra Brian Jones e Mick Jagger, l’attrazione di Keith Richard per Anita Pallemberg, la passione di Kenneth Anger per l’assassino Bobby Cupido-Beuasoleil si confondono come in un trip lisergico.
E vengono alla mente i versi dell’Adonais di Shelley che Jagger recitò all’Hyde Park quel pomeriggio del 5 luglio del 1969 per commemorare Jones:

"L’uno rimane, i molti cambiano e passano;
I Cieli sempre splendono, le ombre della terra volano;
la vita come una cupola di vetro variopinto,
colora e macchi il bianco raggio dell’eterno,
Finché la morte non lo manda in pezz
i"

Insomma, Sway (che prende il titolo dal seconda traccia di «Sticky fingers», album dei Rolling Stones datato 1971)è una psichedelica opera al nero, sospesa tra Paint it Black e Sympathy for devil.
Un sogno che si trasforma in incubo. Un incubo che si trasforma in sogno. Come in Invocation of my Demon Brother, il corto di Kenneth Anger che riunisce gran parte dei protagonisti di questo inquietante e magnetico romanzo





guarda la fotogallery