di Giuseppe Lamanna

È una continua ricerca di equilibri e di armonie musicali, quella che i Malcondita sperimentano all’interno del loro cammino artistico. Un percorso lungo e complesso, fatto da oltre dieci anni di esperienze live, centinaia di concerti, prestigiose collaborazioni e tre album. Una storia, quella del gruppo, raccontata in sette note e che da Bagnolo Cremasco, Crema, li ha accompagnati con successo in giro per l’Italia.

La prima curiosità riguarda il nome del gruppo, molto particolare.
Si è trattato curiosamente di una scelta obbligata. Non potevamo sceglierne uno migliore e più adatto di questo, rappresentativo al cento per cento dei generi diversi da cui ognuno di noi proviene. Rock, classica, jazz e pop si sono fuse insieme in un complesso equilibrio per aiutarci a esprimere noi stessi.

Le contaminazioni musicali e i diversi generi sono diventati con gli anni il vostro marchio di fabbrica
.
Nel corso degli anni, ormai ne sono passati più di dieci, abbiamo sperimentato molto, andando sempre alla ricerca di nuove e innovative soluzioni musicali, scegliendo di non seguire un solo percorso artistico. All’interno dei nostri spettacoli, spesso offriamo ben quattro programmi diversi: acustico, cover, elettronico e il nostro rock.

Come nasce la voglia di fare musica?
Personalmente è stata una passione che ho avuto fin da piccola. Canto da quando avevo 8 anni, e non ho mai smesso. Ho proseguito a studiare musica, tanto poi da diventare a mia volta insegnante di canto. L’incontro con i miei compagni di avventura è stata la naturale evoluzione di questa mia passione. E credo che anche per loro sia stata la stessa cosa.

Nel corso degli anni, il gruppo ha subito diversi cambiamenti di formazione.
Come la nostra musica, anche la nostra storia personale è molto particolare. All’inizio eravamo nati come un quartetto. A distanza di pochi mesi, la defezione del bassista mi ha spinto a prendere in mano io stessa il basso, oltre a cantare naturalmente. E poco tempo fa, nella band è entrato un nuovo chitarrista. Comunque la nostra volontà è sempre stata quella di restare un trio.

La forza musicale dei Malcondita nasce e si sviluppa principalmente grazie alla grande esperienza accumulata durante le esibizioni dal vivo.
Diciamo che il nostro ambiente più naturale non è uno studio di registrazione, ma il palco di un concerto. In dieci anni abbiamo accumulato una grandissima esperienza di live, prendendo parte a numerose e importanti manifestazioni come Pistoia Blues, Sanremo Rock, Arezzo Wave, senza dimenticare i nostri concerti, le feste in piazza e molto altro ancora.

E attualmente quali sono i vostri progetti?
Abbiamo appena finito di cantare in giro per l’Italia. Adesso stiamo lavorando al prossimo album. Ho volutamente scelto di fermarmi, per poter lavorare al meglio. Ho bisogno di tempo e concentrazione per poter scrivere e pensare la nostra musica. E stare sempre in tour lo rende impossibile.

Ricordiamo che Elena Villa è anche l’autrice delle canzoni dei Malcondita
.
Esattamente. Scrivo i testi e le musiche, ma sono molto aperta alle collaborazioni con gli altri. Anzi, sono io stessa a cercare il parere e i suggerimenti dei miei compagni, anche se alla fine sono io che prendo le decisioni finali in merito ad una canzone.

Il suo curriculum personale è impressionante. Ci racconta qualcosa della sua scuola di canto?
È praticamente da tutta la vita che studio musica. Ho iniziato da bambina e non ho mai smesso. Il passaggio all’insegnamento è stata una naturale conseguenza, anche perché quando sono entrata nella Scuola di Musica Music Line di Genova già conoscevo molto bene la musica. In poco tempo, ho iniziato ad aiutare la mia insegnante, fino a quando non sono passata dall’altra parte della “cattedra”.

E adesso insegna anche via Internet attraverso Skype.

È il bello della tecnologia. Oltre a insegnare dal vivo naturalmente, Internet è un mezzo straordinario per ridurre le distanze. Inoltre, l’acustica dei computer di oggi permette di lavorare senza alcun deficit. Insegno canto moderno, improvvisazione, tecnica e vari stili. L’importante è capire che per cantare è necessaria tanta passione, tanto tempo, molta costanza, ma soprattutto nessuna fretta!


Per chi fosse interessato a chiedere ulteriori informazioni sulla scuola di canto di Elena Villa, può contattare direttamente l’artista e il suo staff presso il sito internet ufficiale www.elenavilla.it, scrivendo all’indirizzo info@elenavilla.it