Amy Winehouse è stata dichiarata non colpevole dal tribunale di Londra.
La cantante è stata assolta dall'accusa di percorsse nei confronti Sherene Flash durante l'End of Summer Ball, che si è tenuto a Londra lo scorso 25 settembre.

La cinque volte vincitrice dei Grammy Awards è arrivata in tribunale indossando una camicia bianca accompagnata da una giacca grigia, per poi uscirne, una volta che la sentenza è stata letta, con un look a lei piu' confacente, giacca in pelle nera come la polo semitrasparente che lasciava intravvedere il reggiseno.
Insieme alle riabilitazione ai Caraibi e al divorzio ottenuto a inizio mese da Blake Fielder-Civil, con questa assoluzione sembra che Amy Winehouse abbia messo alle spalle i suoi problemi e che possa riprendere la sua carriera canora.

Fuori dal tribunale, un portavoce ha aggiunto: "Si è sempre proclamata innocente, ed è molto felice di poter continuare la
sua vita e lasciarsi alle spalle l'episodio".

La cantante, nel corso del processo, ha spiegato di essersi spaventata quando Flash le ha chiesto una fotografia, e di averla spinta via quando la ballerina le ha messo un braccio intorno alle spalle.

Guarda la fotogallery di Amy Winehouse