La musica si decentra. Milano e Roma non sono più le capitali nazionali. Forse restano ancora capoluoghi di provincia musicale, gli unici due, ma tutt'intorno è un pullulare di concerti, festival, reading...Il Friuli Venezia Giulia si sta confermando terra di grandi eventi dedicati agli amanti della musica: dopo Madonna, lo scorso 16 luglio, e Bruce Springsteen, il 23 luglio, sono ora in arrivo i Coldplay, il 31 agosto e Claudio Baglioni, il 4 settembre. Il valore aggiunto di questo poker di concerti e che le istituzioni locali sostengono la musica con delle proposte che incentivano il fan a non cedere alla filosofia del mordi e fuggi. L’Agenzia TurismoFVG, ad esempio, aderisce all’iniziativa Music&Live offrendo un biglietto omaggio per un concerto allo stadio Friuli di Udine a chi prenota una o tre notti, a seconda dell’evento, in un hotel convenzionato. Questa è solo una opzione. Ciò conferma l'importanza del turismo musicale in questa stagione di difficoltà per le major discografiche. Restano i live il termometro della buona salute della musica e quindi è saggio moltiplicarli ed accrescerne l'attrattiva.

Per i Coldplay sono attesi 40mila spettatori allo stadio Friuli di Udine per l'unica data italiana del Viva la vida Tour 2009. I biglietti sono quasi esauriti e gli ultimi tagliandi saranno messi in vendita la mattina di lunedì 31 agosto ai botteghini dello stadio. Gli appassionati dell'alternative rock con influenze pop di  chiara matrice britannica proposto dai Coldplay arriveranno da  tutte le regioni della penisola. Una fetta predominante di  pubblico, tuttavia, sarà straniera: non solo dalle vicine  Austria, Slovenia e Croazia, si attendono fan anche da Ungheria, Repubblica Ceca, Germania, Serbia, Bosnia, Montenegro, Grecia,  Svezia e Norvegia. Si tratta, infatti dell'unica esibizione di Chris Martin e compagni nel sud-est del continente, nell'ambito di un tour lunghissimo iniziato nel settembre scorso a Strasburgo. Reduci dalle esibizioni di Duesseldorf e Monaco di Baviera, i Coldplay suoneranno nuovamente mercoledì a Berna prima di  risalire l'Europa in vista del gran finale londinese del 19 settembre. Le forze dell'ordine friulane hanno predisposto alcune  modifiche alla viabilità per evitare ingorghi da e verso l'autostrada A23, che dovrà fare i conti anche con il traffico legato alle ultime partenze di agosto e alla seconda ondata dei rientri dall'estero. I cancelli del Friuli saranno aperti alle 17, mentre l'esibizione sarà preceduta dai mini set di due gruppi spalla emergenti, i milanesi Ministri e i londinesi White Lies.

Claudio Baglioni in Questo Piccolo Grande Amore