Dj Am, famoso disk jockey americano di 36 anni è stato trovato morto nel suo appartamento di Soho, a Manhattan, vittima di un overdose. Il corpo senza vita di Adam Goldstein, questo il suo vero nome, è stato trovato riverso sul letto con addosso una tuta. Accanto, sul pavimento e in cucina, del crack, alcune confezioni di pillole e molte ricette di farmaci. Nato a Filadelfia, Dj Am è stato un componente della banda musicale Crazy Town, che nel  2001 piazzò in classifica il successo rap-rock dal titolo  Butterfly. In passato ha collaborato con alcuni album di Madonna e di Will Smith. Molto conosciuto nel mondo dello spettacolo newyorchese, da anni girava le discoteche di mezzo mondo che per averlo alla console lo pagavano profumatamente, anche 25mila dollari a sera. Un lavoro che gli permetteva di soddisfare una strana passione per le scarpe da ginnastica: la sua collezione ne contava più di 1000 paia. Negli Usa era famoso anche per aver avuto in passato relazioni con giovani star, tra loro l'attrice tv Nicole Richie e Mandy Moore. Nel settembre scorso Dj Am riuscì a sopravvivere a un gravissimo incidente: l'aereo privato con cui viaggiava in compagnia di alcuni suoi amici precipitò nella Carolina del Sud. Lui si salvò, riportando solo qualche brutta ustione, ma altri quattro passeggeri persero la vita. Da poco aveva finito di girare un video che sarà trasmesso presto su Mtv sui rischi legati alla droga. In un'intervista del 2007 aveva ammesso di consumare crack e cocaina dall'età di 20 anni, ma anche di essere riuscito a smettere, rinunciando perfino alle sigarette. Sul twitter, tra i tanti messaggi di cordoglio, quello della  sua amica, l'attrice Lindsay Lohan: "Non posso credere a quello che è successo...Sono stranita, perché? Perché? Riposa in pace, Adam".

Dj Am live a Pleasanton, California