di Fabrizio Basso

Non c'è un prima e un dopo. C'è un ora. Perché gli Skunk Anansie non si riuniscono bensì ripartono. Da zero. O quasi. Perché che hanno un passato mica possono negarlo. Che vogliono ripartire è una certezza. E allora che fare? Ce lo hanno raccontato nella loro stanza d'albergo milanese. Erano schierati al gran completo gli Skun Anansie: Deborah Dyer detta Skin, il bassista Cass, il chitarrista Ace e il batterista Mark Richardson

Rieccovi in pista, sette anni dopo il commiato, con un disco Smashes & Trashes, liberamente tradotto in trambusto e robaccia, che è un best of cui si sommano tre inediti.
Non avevamo mai fatto un meglio di. Abbiamo pensato di impreziosirlo con Because of you, che è anche il singolo, Squander e Tear the place up.
Avete partecipato all'edizione italiana di X Factor
Come tutti i reality attrae quelle persone che noi chiamiamo desperates of fame, affamate di gloria. Le porta su e giù, dall'altare alla polvere.
Parliamo della reunion
E' una nuova partenza. Abbiamo buone melodie, tanta passione e tantissime idee. Ma ora pensiamo alla promozione e al tour che è dietro l'angolo, per un nuovo album di soli inediti bisognerà attendere il 2010, inizieremo a lavorarci il prossimo dicembre. Ci piacerebbe uscire per l'estate ma non sarà facile. E' più realistico pensare a fine 2010
Intanto ci sono i tre assaggi...inediti
Servono per traghettare il vecchio e il nuovo pubblico verso i nuovi Skunk Anansie. C'è chi ci ha conosciuti negli anni Novanta ma anche chi ci scopre adesso, nella stagione di internet Comunque ci sono collegamenti con canzoni del passato: Because of you ricorda Charlie big potato mentre Squander rimanda a Secretely.
Temete la nostalgia?
Un po' ma è l’ultima cosa che desideriamo. Non si possono cancellare dieci anni di storia ma bisogna essere consci che abbiamo iniziato a percorrere un nuovo sentiero
Il tour?
Siamo pieni di energia. Sarà fantastico. Non vediamo l'ora di andare a dormire nei tour-bus
Nei sette anni da separati ognuno ha seguito progetti individuali. Ora il gruppo è di nuovo prioritario?
La band non deve essere la sola ragione di vita. E' giusto che ognuno goda di una sua indipendenza. Nel recente passato c'è chi ha fatto musica da solo o con altri e poi abbiamo coltivato altre passioni, la pittura, girare in moto e anche fare figli.
Prima avete parlato di internet. Ha portato in dote download legali e illegali
Fermare internet sarebbe come chiudere la stalla dopo che il gregge è fuggito. E' un fenomeno fuori controllo. C’è di positivo che ora molte più persone ascoltano musica. Tu concedi un brano gratis e si diffonde a macchia d'olio col solo meccanismo del passaparola. Si spera poi di guadagnare dall'acquisto di magliette o con i biglietti dei concerti.
Non c'è più la mentalità per acquistare.
Sarebbe fantastico acquistare ancora i dischi ma sarebbe altrettanto fantastico avere di nuovo 18 anni: è impossibile. E' tardi per regolamentare rete.

Strana storia quella degli Skunk Anansie. Anansie è il dio-ragno di alcune popolazioni dell’Africa occidentale. Skunk significa moffetta ma serve solo gutturalmente per rendere più cattivo il nome. Almeno questo è quello che si dice. Ma c'è anche chi evoca riferimento a una droga. Senza mistero non c'è leggenda. E loro sono leggenda. Due le date italiane, il 15 novembre al Palasharp di Milano e il 16 novembre al Sashall di Firenze. Due occasioni per vedere in action una rock band vera e una delle ultime icone erotiche della musica, la magnetica Skin.

Skunk Anansie in Because of You