di Fabrizio Basso

Guarda la fotogallery della serata

Ha vinto Marco Mengoni. Al termine di una serata proibita ai cardiopatici, il ventenne di Viterbo conquista X Factor e se ne vola al Festival di Sanremo. E dalla porta principale perché all'Ariston si esibirà nella categoria Artisti, ex Big. La serata ha avuto un prologo vietato alle telecamere: Morgan ha annunciato le sue dimissioni dicendo che "In questo ruolo non ho possibilità di crescita, mi sento un musicista e un produttore, un artigiano della musica. Mi piacerebbe scegliere le basi, fare un lavoro simile a quello che sta facendo Lucio Fabbri". Insomma vorrei, non vorrei ma se volete...ma c'è un piccolo, piccolissimo particolare. Marco Morgan Castoldi ha firmato già per le prossime due edizioni. Che succederà?

Smorza le tensione Giorgio Gori, che con la sua Magnolia produce X Factor: "Il giorno della finale non si parla di futuro. Nei prossimi mesi c'è tempo per cambiare idea più volte". Nessun problema, in line di massima, per il resto della squadra: Francesco Facchinetti resta, anche perché il programma, che ripartirà nell'autunno 2010, è sempre più tagliato sui suoi abiti. La fuggitiva (delle prime puntate) Claudia Mori ha confessato di essere rimasta irretita da X factor e quindi ora è possibilista sulla riconferma. Che detto dall'algida signora è quasi un si.

E la Mara Maionchi? Ha detto che "fosse per me resterei qui da sola" che è molto più di una dichiarazione d'amore.
La gara è partita con Giuliano che duetta con Lucio Dalla in Caruso. Per reggere quei toni non bisogna essere dei fenomeni ma di più. E lui non si lascia intimidire dal mare che luccica e dal vento che tira forte. Le Yavannah fan quel che possono. Sembrano le damine del carillon. Poco credibili nell'immagine un po' di più nel canto. Ma la Maionchi è un taumaturgo: come Geppetto ha trasformato un pezzo di legno in un burattino parlante. E' invece una spider Marco Mengoni. Se preme un pedale è quello del freno. Perché la sensazione è che possa allungare appena vuole.

C'è una sfida che ci è mancata e ci mancherà: quella tra Marco e Giuliano a parità di permanenza a X Factor. Il ragazzo di Sassari ha debuttato la settima puntata. Il ventenne di Ronciglione, provincia di Viterbo, c'è dall'inizio. Che scontro tra titani. Epico. E' c'è un'altra assenza di rilievo, a questo punto. E' quella di Silver, indicato da Morgan come il suo figliolo artistico: sconfitto dalle Yavannah in semifinale. Ingiusto. Ma talvolta devono prevalere logiche di squadra, intesa nel senso ecumenico del programma. Il sacrificio dell'Argenteo ha garantito a ogni coach un finalista. Sabato prossimo, 5 dicembre 2009, chiude anche il Processo a X factor: in quell'occasione verrà assegnato il premio della criticaLe luminarie di X Factor dunque si spengono e occultano fatti e misfatti di quello che, checché se ne dica o non dica, resta una delle finestre musicali italiane che possa fregiarsi del termine vero!