di Fabrizio Basso

Hip Hop come scelta di vita. E non come scelta di look o di moda. Perché il rap è una cosa seria. Sembra facile ma non lo è. O meglio è alla portata di tutti fare delle rime, anche forti e abrasive, ma è da pochi fare in modo che quando viene pronunciato sia credibile. I Flaminio Maphia, ovvero G-Max e Rude MC, rientrano nella minoranza credibile. Un po' perché vengono dalla strada, un po' perché agli albori della loro storia sono stati più duri delle porte prese in faccia, un po' perché...basta ascoltarli. Ci sono dei casi, e questo è uno, in cui le parole servono poco perché a parlare, anzi a cantare c'è la musica. C'è il rap.

Allora è finalmente nato Er Mejo, il vostro best of.
Dopo tanti anni era giusto omaggiare i nostri fan, i nostri estimatori.
Ci sono anche sei inediti.
Siamo dei generosi. Un altro pezzo sarà solo su i-tunes. Siamo di manica larga ma ci muoviamo a piccoli passi perché l'hip hop racconta la realtà e vive di quotidiano.
Avete rifatto Vamos alla Playa dei Righeira?
Lo lanceremo come singolo estivo. Noi siamo cresciuti negli anni Ottanta e l'hip hop è campionato tra la fine dei Settanta e l'inizio degli Ottanta. Basti pensare a Jay Z, Timballand. Vamos alla Playa era vanati di 25 anni almeno negli anni Ottanta.
Come è l'hip hop italiano?
Noi non facciamo hip hop, siamo hip hop ed è diverso. In Italia non c'è una vera cultura. Hip Hop è omaggiare, è prendere una canzone e farla Hip Hop. Paradossalmente c'è più gente che lo fa rispetto a quanti lo ascoltano.
Voi siete figli degli anni '90 come band.
In quegli anni ogni piccola conquista era una fatica. Era, ed è, importante il look.
Oggi ci sono i social network, c'è myspace.
Sono realtà con le quali bisogna confrontarsi. Su youtube il video di Quelli che ha superato i 50mila passaggi in un attimo. Il web non è più il futuro, è il presente.
Tra gli inediti c'è La Pistola.
E' un brano che amiamo particolarmnete. E' una pistola che parla al sua proprietario e si rifiuta di sparare. E' un testo di due anni fa.
I vostri video sono molto curati.
I primi videoclip affondano negli anni '80. Noi mentre scriviamo le canzoni lavoriamo alla sceneggiatura. E' in testa. Li abbiamo sempre fatti con i Manetti Bros che sono amici ma stavolta ci siamo rivolti a una agenzia di perugia, Tona Production.
Per redigere il vostro Er Mejo che criteri di selezione avete adottato?
Abbiamo pescato tra i singoli. I pezzi che spaccano di più.
Tour?
Un po' più avanti. E ci piacerebbe andare con un gruppo.

Sono sempre quelli che....arrivano da piazzale Flaminio. Anche se in realtà non ci sono nati in quella zona. Ma l'hanno trasformata in una delle oasi Hip Hop più dure e pure d'Italia.

I Flaminio Maphia in Quelli che