di Fabrizio Basso

Malika Ayane
riparte da Sanremo e dai suoi "grovigli". Un anno dopo la cantante milanese torna all'Ariston con Ricomincio da qui e contestualmente pubblica l'album Grovigli, dodici tracce tra cui un inedito scritto per lei da Paolo Conte e una canzone composta dal fidanzato Cesare Cremonini.

Malika ci risiamo. Un anno fa era Come le Foglie, oggi Ricomincio da Qui...
Continuo ad avere poco chiaro il regolamento però ora sono tarada ad affrontare gli imprevisti.
La segnalano tra i potenziali vincitori.
L’importante è cantare bene ed essere sicuri dei propri mezzi. Per me la competizione viene in secondo piano.
Ma si sente un possibile vincitrice?
Preferisco restare sul vago (e sorride, ndr).
Con chi duetterà la serata dei...duetti?
Ricomincio da qui è una canzone particolare: o si ha una voce che la veste bene o meglio cavarsela da soli. Dunque sono andata controcorrente: mi porto sul palco l’etoile della Scala Sabina Brazzo con i suoi ballerini.
Chi la veste?
Ho optato per un marchio giovane, Pierre Ancy, che è italiano ed è fondato sulla creatività di Christian Petrini e Nicola Russo.
Ha cantato La prima Cosa Bella nell'omonimo film di Paolo Virzì.
E’ stata Caterina Caselli a illustrarmi questa opportunità. Non avevo mai sentito quella canzone e al primo ascolto mi sono terrorizzata: che c’entravo io con quel brano?
Che le ha detto Virzì?
L'ho conosciuto alla prima del film: paradossalmente è stato lui a ringraziarmi e complimentarsi per la mia interpretazione.
Grovigli è un titolo senza canzone.
E' un motivetto che mi è rimasto impresso. Magari avrà la stessa fortuna di Waiting for the Sun dei Doors che è diventato celebre prima del disco.
Ci sono poi due canzoni di Paolo Conte.
Gli ho chiesto il permesso per Chiamami Adesso e lui oltre a concedermelo mi ha spedito l'inedito Little Brown Bear.
E poi c'è Just Believe in Love di Cesare Cremonini.
L’inverno scorso ho molto ascoltato Le sei e ventisei. Mi è venuta voglia di collaborare con lui. Ci siamo conosciuti a giugno 2010 e lui ha accettato di comporre qualcosa per me anche senza avere finalità discografiche. Just believe in love è la sintesi di tutta la musica che abbiamo ascoltato in questi mesi, da Ed Harcourt a Sondre Leche fino a Chet Baker.
Amore e lavoro.
Lavoro con Cremonini ma amo Cesare.

Tutto è pronto dunque per il Sanremo bis di Malika Ayane. Questa volta andrà senza sua figlia Mia "lo scorso anno ho costretto a una maratona, andrà in vacanza col papà". Ma non sarà comunque una passeggiata. Perché non è più una scommessa ma una certezza. E per quanto nasconda i pensieri dietro un sorriso magico...sa che potrebbe vincere.

Tutto su Malika Ayane