Guarda l'album del Festival di Sanremo
Valerio Scanu vince il Festival delle polemiche
Sanremo 2010, vince Scanu ma pubblico e orchestra "esiliano" Pupo, Principe e Tenore. Le foto

Arriva su Facebook la clamorosa protesta dell' orchestra della Rai che nell'ultima serata del Festival aveva sfidato la decisione del Televoto che aveva escluso gli interpreti migliori come Malika Ayane e fatto vincere, invece, Valerio Scanu, incalzato da Pupo ed Emanuele Filiberto, lasciando a Marco Mengoni il gradino più basso del podio.

Il gruppo nato sul social network ha registrato in poche ore circa 30 mila adesioni. Si chiama “Fan dell'orchestra di Sanremo che si ribella stracciando gli spartiti”. Tanti i commenti che si possono leggere sulla pagina in questione. Si va dalla solidarietà all'orchestra sanremese considerati da Luca come “i veri vincitori di Sanremo” agli strali contro il trio Pupo, Emanuele Filiberto e il tenore Luca Canonici definito nella presentazione della pagina "il trio vergogna".

Scrive Rosaria: “Se Filiberto si permette il lusso di fare il cantante, il ballerino, il presentatore...solo per il nome che porta, perché mai un'orchestra non dovrebbe avere il diritto di esprimere disappunto per gli esiti di un voto in una manifestazione canora?” Altri come Antonio si chiede se la votazione era regolare visto l'inspiegabilità della decisione di mandare in finale Pupo e Filiberto. E aggiunge:" L' orchestra ha fatto quello che magari milioni di Italiani avrebbero voluto fare". Anche Emanuela parla di voto truccato: " Non è possibile che tutta l'Italia non li vuole e poi arrivano al secondo posto. Imbroglioni!”

Alessandro propone invece una lettera aperta a Emanuele Filiberto di Savoia che invita ad andare a lavorare, se davvero vuole farsi amare dagli italiani,: "Ha dichiarato che sente il bisogno di voler lavorare? Bene, anzi benissimo... lo faccia! Questo ci renderebbe felici perché darebbe un esempio eccellente a tutti quei giovani italiani pigri che in alcuni umili settori non intendono proprio affacciarsi. Vada al mattino alle cinque ai mercati generali o a fare il pane, magari dia un esempio di civiltà ecologica "svizzera" andando a spazzare le strade con gli spazzini in una delle nostre sporche città (correttamente: operatori ecologici). Così si, che si farebbe amare dagli italiani, così si, che darebbe la sensazione di non essere un furbetto che ha solo voglia di successo e di guadagni facili. Così si, che cominceremmo a percepire il suo amore per la nostra Italia”.