In questi tempi di campagna elettorale, si distingue sui muri, tra i tanti, un particolare manifesto abusivo: è l’unico "paradossalmente autorizzato", quello del Tour teatrale di Samuele Bersani, cantautore geniale, tra i più acuti e visionari della nuova generazione. Sapendo proseguire idealmente il lavoro dei grandi cantautori, Bersani si è confermato negli anni come uno dei rarissimi casi di originalità  e come u mondo a sé stante nella musica italiana, riuscendo nell’impresa di non somigliare mai a nessuno. Evidentemente dotato di una scrittura fra il cinema e la poesia, sa emozionare e condensare come pochi sulla scena concetti altissimi nello spazio di una canzone, con la capacità di fotografare l’anima delle storie e dei rapporti, senza trascurare i dettagli nell’inquadratura che per lui sono fondamentali.

Partirà da Torino, giovedì 25 marzo 2010, il tour teatrale con cui Samuele presenterà nelle più importanti città italiane il suo ottavo album, Manifesto Abusivo, che contiene canzoni fatte per essere suonate live come tra le altre, Ferragosto, Un periodo pieno di Sorprese e Pesce d’aprile, il nuovo singolo che è in radio in questi giorni. Ecco tutte le date: TORINO (Teatro della Concordia, 25 marzo); RIMINI (Teatro Novelli, 26 marzo); MILANO (Teatro Smeraldo, 31 marzo); PARMA (Auditorium Niccolò Paganini, 9 aprile); FIRENZE (Saschall, 13 aprile); ROMA (Auditorium Parco della Musica, 14 aprile); NAPOLI (Teatro Acacia, 19 aprile); COSENZA (Teatro Rendano, 20 aprile); PALERMO (Teatro Golden, 22 aprile); CATANIA (Teatro Metropolitan, 23 aprile); MESTRE (Teatro Toniolo, 29 aprile); BOLOGNA (Teatro Arena del Sole, 6 maggio), SASSARI (Teatro Verdi, 13 maggio).

Samuele Bersani in Ferragosto