Sono passati trent'anni dall'uscita di The Wall e Roger Waters, bassista e fondatore dei Pink Floyd, vuole celebrare l'anniversario con un tour mondiale che partirà alla fine dell'estate dal Nord America. Durante i concerti saranno suonate esclusivamente le canzoni dello storico disco della band inglese. "Ho suonato questi brani la prima volta 30 anni fa. Col tempo hanno acquistato nuovi significati", ha detto Waters in un'intervista la scorsa settimana.

I Pink Floyd misero infatti in scena lo spettacolo nel 1980. Durante il concerto "il muro" veniva costruito in diretta mattone dopo mattone e i cantanti scomparivano pian piano dietro la costruzione che veniva abbattuta alla fine dello spettacolo. Il gruppo ripropose “The Wall” solo un’altra volta nel 1990 davanti alla Porta di Brandeburgo a Berlino per festeggiare la caduta del muro di Berlino e il ricongiungimento fra Est e Ovest del mondo. L’evento fu registrato nel doppio album live intitolato “Is there anibody out there?”.

Del tour sono state già fissate trentacinque date. La prima tappa sarà a Toronto il prossimo 15 settembre. Negli Stati Uniti il primo concerto sarà tenuto in Anaheim, in California. Lo spettacolo poi raggiungerà anche l'Europa. Forse l’unico rammarico è che non rivedremo la band unita ma a cantare ci sarà solo Waters come solista. Le voci di una possibile ricostituzione del gruppo si sono definitivamente spente dopo la morte del tastierista Rick Wright avvenuta nel settembre del 2008.

DALLA RETE - Ecco alcuni dei brani più famosi tratti da The Wall dei Pink Floyd: