Guarda la fotogallery di Courtney Love

Un album delle Hole non usciva dal 1998, anno in cui la band di Courtney Love aveva pubblicato Celebrity Skin. Poi miss Cobain ci aveva provato da sola nel 2004 con America’s Sweetheart, senza troppa fortuna. Dopodiché, alcuni anni di buio tra problemi di dipendenza e giudiziari. Dopo cinque anni di lavori, assistita qua e là dalla celebre producer (nonché ex cantante dei 4 Non Blondes) Linda Perry e dallo Smashing Pumpkin Billy Corgan, Courtney è riuscita finalmente a portare a termine un altro disco delle Hole, Nobody’s Daughter, ovvero “figlia di nessuno”.

In realtà, parlare di reunion sarebbe fuorviante: delle formazioni passate, è sopravvissuta solo lei, Courtney Love. Ma quel che importa è che, tra grinta punk e sguaiata attitudine folk, la rocker è riuscita nell’intento di lasciare il suo messaggio: “Sono qui, non sono finita”. Nobody’s Daughter non è un album impeccabile, ma di certo è intenso, come la vita della signora Amore.