Guarda la fotogallery

Leggi anche:

Abbey Road: i fan dei Beatles di nuovo in strada
Abbey Road: cover d'autore
I Beatles come non li avete mai visti
Beatles in digitale: è la prima volta!
Beatles, quarant'anni di White Album


Era il 17 agosto del 1960 quando i "Silver Beatles" salirono sul palco dell'Indra Club per il primo degli oltre 200 concerti tenuti fino al 1962: all'epoca la formazione era ancora a cinque, con Stu Sutcliffe al basso (relegando Paul McCartney alla chitarra) e Pete Best alla batteria; proprio ad Amburgo il gruppo conobbe e - tra il provino alla Emi e le sedute di registrazione del primo album - reclutò Ringo Starr, all'epoca membro dei ben più quotati "Rory Storm and the Hurricanes".

Amburgo - che oggi ospita un museo dedicato ai Fab Four - era infatti meta obbligata per tutti i gruppi inglesi del "Mersey Beat": l'elevato numero di locali notturni - specie nel malfamato Reeperbahn, il quartiere a luci rosse - offriva, infatti, prospettive di lavoro sicure, data la preferenza del pubblico locale per il rock anglosassone. Non che tutto fosse rose e fiori per i musicisti: i turni erano massacranti (due set al giorno, a volte per mesi consecutivi) il pubblico a dir poco indisciplinato e l'uso di anfetamine per poter reggere il ritmo di lavoro quasi inevitabile. A ricordare quei momenti ci sono le parole dello stesso Paul McCartney: "Amburgo è stato il battesimo del fuoco. "Sbronze, il fumo delle sigarette, le risse, la gente sbattuta fuori dai locali a luci rosse: per noi ragazzi era un mondo adulto che non conoscevamo".

Per ricordare l’anniversario, la cover-band "Bambi Kino" (dal nome di un cinema nei cui locali - una stanza senza finestre o riscaldamento - i Beatles alloggiavano) terrà nella città anseatica una serie di concerti in onore della mitica band inglese.