di Camilla Sernagiotto

Quando la coppia scoppia, è giusto tornare solisti, ma se un duetto è così esplosivo da sembrare un quartetto… bisogna battere il ferro finché è caldo!

E il ferro in questione è addirittura bollente, a giudicare dalle scene hot del video di Beautiful Dangerous che vede di nuovo assieme Fergie & Slash.

Lei veste i panni succinti di una fan ossessiva pronta a tutto pur di incontrare il chitarrista idolatrato, addirittura capace di sequestrarlo…

Dopo un concerto, la bionda mozzafiato riesce a sedurlo e a condurlo a casa propria, dove ne succederanno di cotte e di crude:



Ma Slash e Fergie non hanno certo brevettato i videoclip hot, anzi: l’ex Guns ‘N Roses e socia devono fare i conti con una lunga tradizione che va da Prince a Lady Gaga.

Spesso le immagini ad alto contenuto sexy rendono il brano più orecchiabile, a volte riescono perfino a scolpirlo nella memoria; è il caso di Guesch Patti, meteora della musica di cui tutti, però, si ricordano non tanto per la sua Etienne, ma per il primo video-spogliarello musicale che accompagno quelle note.

Eppure colei che dovrebbe ricevere una laurea ad honorem in materia di “video porno-soft” è senza dubbio la Regina del Pop: tanti video di Madonna hanno contribuito a trasformarla in un’eretica… erotica!



Anche il Re del Rap difende con tutte le sue forze lo scettro del video hip hop più hard: Disco Inferno di 50 Cent dovrebbe essere vietato ai minori di 18 anni…



Non poteva rimanere sprovvisto di un videoclip hot nemmeno il genere Reggae pop-Raggamuffin: ci ha pensato Shaggy con le immagini che accompagnano la sua hit Hey Sexy Lady



Il video musicale più censurato della storia è tuttavia quello di Smack my Bitch Up dei Prodigy, su cui è bene applicare con la colla Super Attak l’etichetta “Adult only”:



Molto più raffinato, nonostante il contenuto sexy, il video di Purple Shoes in cui la bella Malia ammalia i suoi fan girando per strada… come mamma l’ha fatta!

Ovviamente portandosi appresso a mo’ di bikini le strisce nere della censura:



Ma non bisogna sottovalutare il made in Italy anche nel settore “videoclip hard”; le pioniere sono Paola e Chiara, che hanno superato se stesse e il senso del pudore con le immagini che fanno da contorno al brano più esplicitamente hot: Kamasutra…