Più simile a una bomba piazzata sotto i sedili della routine musicale che a una semplice nuova scoperta, il romantico flamenco della cantante Anna Calvi dà fuoco al palco. E noi bruciamo con lei. Vestita con un rigoroso abito da flamenco, i capelli raccolti, lo sguardo di un'imperatrice. Evoca con la sua presenza e la sua scrittura una cupa violenza estremamente sensuale, un singolare mix di Jeff Buckley, Nina Simone e PJ Harvey. Ma questa scrittura appartiene veramente solo a lei e subito ci cattura.

Anna ha già due fan d’eccezione, Brian Eno che l’ha descritta come la cosa migliore dopo Patti Smith, e Nick Cave che l’ha presa sotto la sua protezione facendole aprire i concerti europei dei Grinderman. La BBC lo inserisce fra i 15 dischi da tenere d’occhio nel 2011, il Guardian presentandolo dice di "essersi innamorati del formidabile disco di debutto di Anna Calvi", il Daily Telegraph ha parlato dell’eccezionale disco di Anna Calvi e Uncut l’ha fatto album del mese.

Anna Calvi in Moulinette