di Fabrizio Basso

Guarda anche:

Sanremo, è di nuovo caos televoto
Gualazzi, Sanremo Giovani è suo!
Sanremo: bacio di pace tra Eli& Belen? Twitter non ci crede
Sanremo: Pravo Albano. Ma la gara è finita
Sanremo a tutto Twitter. I commenti alla prima serata
Sanremo 2011, giochi di parole
Cerchiobottisti o coraggiosi? Luca e Paolo dividono il Web

Santa polemica protettrice di Sanremo
Sanremo 2011, largo ai giovani: le foto

Meglio Belen o Elisabetta Canalis?

Sanremo, chi dice donna dice Festival
Guida Tv: guarda quando va in onda il Festival di Sanremo


Maledetto televoto. Come una maledizione incombe sul Festival sempre. L'ultima vittima è stato Roberto Vecchioni: un dirigente Rai l'ha dato favorito. Talvolta la lingua tradisce il pensiero. Chissà che scongiuri avranno fatto i Modà con Emma, favoriti da settimane. Ma questo scandaletto delle ultime ore ha sparigliato le carte e dunque ecco emergere gli outsider. Anzi l'outsider. Perché Nathalie, vincitrice dell'ultimo X Factor, un Festival guardingo ma convinto, è balzata nelle prime posizioni del toto-Sanremo 2011. La sua canzone è Vivo Sospesa. Nella sera dei duetti l'ha proposta con la bresciana L'Aura.

Nathalie, il Festival è come se lo aspettava. Sia sincera tra poco è tutto finito.
In realtà a Sanremo si fa tutto tranne cantare.
Scusi?
Sali sul palco qualche minuto per presentare il tuo brano, poi sono interviste, presentazioni...
La musica è un corollario?
No. E' importante. Resta pur sempre una sfida. Ma per me che sono poco avvezza alle parole è un problema. Sanremo è una bella scuola.
I suoi amici e colleghi non glielo avevano raccontato?
Sì, mi parlavano di un delirio ed è vero.
Avrà bisogno di riposo.
Tanto ma non c'è il tempo. Ho il disco da promuovere e il tour da preparare.
Ha voglia di suonare dal vivo, eh?
E' la mia dimensione preferita, era quello che facevo prima di X Factor.
X Factor le ha cambiato il modus vivendi.
E' il guizzo che ha portato alla luce anni di lavoro poco conosciuto.
Come ha vissuto X Factor?
Con incoscienza non conoscendo le meccaniche televisive. Ma sono sempre rimasta tranquilla. Non ho mai pensato di vincere, per me era una immensa vetrina per farmi conoscere a più gente possibile.
Nella serata degli inediti è stata l'unica a presentarsi con un pezzo suo, In punta di piedi.
La musica per me è 50 per cento canto e 50 per cento scrittura. Esprimo sensazioni mie e quindi devono rappresentarmi a costo di apparire ostiche all'ascolto.
A Sanremo ha ritrovato i La Crus, cui anni fa aprì un concerto da anonima cantante.
Loro non se lo ricordavano, glielo ho rammentato. In futuro mi piacerebbe lavorare con loro. E anche con L'Aura con la quale ho duettato.
Vi conoscevate già?
No, ma ci siamo subite piaciute, abbiamo tante affinità.
Ci dica qualcosa del disco Vivo Sospesa.
E' formato da canzoni scritte in varie epoche della mia vita. Ci ho lavorato tra X Factor e Sanremo.
Ci sono pure due canzoni in inglese e una in francese.
Comporre in lingue diverse sviluppa la creatività. E magari aiuta a sfondare all'estero.

Comunque vada Nathalie il Festival lo ha conquistato. E oltreconfine saranno pronti ad accoglierla. Perché anche la musica è figlia del talento e quello che lasciamo espatriare è sempre troppo.