James Blunt lo avevamo già incontrato a novembre, quando era intento a presentare al mondo il suo terzo disco, Some Kind of Trouble (leggi l'intervista). Ora il musicista inglese è impegnato in tour e, a sentire lui, continuerà a suonare in giro ancora per un bel po'. Dopo la data del 13 marzo a Roma, stasera è la volta del Forum di Assago (MI). Ma nel frattempo è arrivata un'altra notizia ad accendere i riflettori sull'autore del tormentone You're Beautiful: Blunt dovrebbe suonare a uno dei matrimoni più attesi degli ultimi tempi, ovvero quello del 29 aprile tra il principe William d'Inghilterra e la bella Kate Middleton. Alla nostra domanda in proposito, ha risposta a metà tra il serio e lo scherzoso. Lo abbiamo intervista poche ore prima del concerto al Forum.

Come è andata ieri sera a Roma?
Quello di Roma è stato uno dei concerti più belli del tour. Io vengo dall'Inghilterra, dove il pubblico è sempre piuttosto composto, mentre qui in Italia i miei fan sono molto calorosi. Anche se qui magari la gente non capisce il significato di tutti i miei testi, coglie comunque la magia della musica.

Tra l'altro, lei suonò già alcuni anni fa a Roma nel corso di un evento particolare come il concerto del Primo Maggio...
Sì, è stata un'esperienza incredibile, non credo che mi ricapiterà spesso di suonare davanti a così tanta gente.

Com'è vivere perennemente in tour?
Mi piace, anche se in effetti è strano. Questo camerino, ad esempio, è il mio salotto... e magari può sembrare non molto accogliente. Girerò in tour coi miei collaboratori per i prossimi tredici mesi, che è tantissimo tempo. Ma siamo come una famiglia, quindi è bello così.

Lei ha definito il suo ultimo album come il più positivo e upbeat: questo come influisce sui live?
La risposta varia sempre da nazione a nazione e da città a città, ma in effetti con questo album c'è un grande coinvolgimento.

È vero che si esibirà al matrimonio del principe William e di Kate Middleton?
Suonerò soltanto l'organo da chiesa, ma ci saranno Elton John e Robbie Williams a fare il coro. (nda: ride enigmatico)

Lei in passato ha affermato di avere un rapporto controverso con Twitter e gli altri social network: ora va meglio?
Su Twitter il mio account è Dirty Lil Blunt, ci scrivo su un sacco di cose non vere e mi diverto a farlo, perché penso che se usi Twitter per raccontare tutto quello che fai durante la giornata, allora devi davvero avere un ego smisurato. Ma grazie ai social network è possibile avere un rapporto diretto coi fan.

È già al lavoro su nuovo materiale?
Come detto starò in giro per tredici mesi e di solito in tour non ho tempo per scrivere, perché sono sempre a provare o fare interviste. Più avanti, di sicuro.

Per il concerto di stasera stanno mettendo sedie dappertutto...
Ho un'audience mista, composta sia di ragazzi che vogliono stare in piedi che di persone più adulte che preferiscono sedersi. Ma stasera proverò a farli alzare tutti quanti...