Guarda anche:
Tsunami Giappone: news, foto e video. Lo speciale
Terremoto in Giappone: tutte le foto

Giappone, le perdite radioattive finiscono in mare

Nucleare: domande e risposte


Definirla un'asta benefica è riduttivo. Quelle si trovano ogni giorno in ogni luogo e di solito sono fatte con oggetti di recupero. Questa è davvero un'altra storia perché tutti gli artisti della scuderia Emi hanno donato un oggetto. E, è risaputo, quando si tratta di memorabilia, i fan non stanno a guardare il portafoglio e le strisciate delle credit card sono più indolori.

Su cosa si corre? Dai biglietti per concerti a oggetti destinati a diventare cult: chi non vorrebbe, nel suo guardaroba, anche solo per ammirarla, la giacca indossata dal leader dei Coldplay Chris Martin durante il "Viva la Vida Tour 2010"? E una litografia in edizione limitata dei Depeche Mode autografata dalla band? La mitica borsa Birkin di proprietà di Jane Birkin? Vorreste pedalare sulla bicicletta di Duffy? E avere in camera da letto un quadro fatto dalle sante (e munifiche) manine dei Duran Duran? L'elenco è infinito. E' l'obiettivo che è unico: supportare le operazioni di soccorso della Croce Rossa giapponese, rivolte alle persone colpite dal terremoto e dallo tsunami.

L'asta sarà gestita da eBay e il denaro raccolto servirà a offrire un aiuto immediato e continuativo alla popolazione colpita. EMI si è presa l'impegno di raddoppiare i fondi raccolti dall’asta fino ad un massimo di un millione di euro. La prima parte dell’asta andrà avanti fino al 15 aprile 2011: in vendita oltre 200 esclusivi oggetti. Una seconda fase si terrà fra l’11 e il 21 aprile 2011.

Norah Jones, cantante e songwriter, ha così commentato l'iniziativa: "Il Giappone è uno dei miei paesi preferiti da visitare e sono vicina col cuore a tutti coloro che sono stati colpiti da questo disastro. Sono felice di poter far parte di questa iniziativa insieme a tutta la famiglia EMI". Il vincitore dei Brit Awards Tinie Tempah ha aggiunto: "Sono rimasto senza parole quando ho sentito del terremoto e degli effetti devastanti che ha avuto sul popolo giapponese, il mio pensiero va a loro. Sono orgoglioso di far parte di questa raccolta fondi insieme al resto della famiglia EMI. Spero davvero che possa davvero fare la differenza, in questo periodo difficile".