di Marco Agustoni

Vi è venuta la brillante idea di far incontrare Vivaldi con gli U2? Troppo tardi, David Garret lo ha già fatto. Nel suo ultimo disco, intitolato Rock Symphonies, il prestante violinista tedesco ha infatti affiancato brani di musica classica come Peer Gynt di Edvard Grieg a pezzi rock come November Rain dei Guns'n'Roses e Kashmir dei Led Zeppelin. Fino a immaginare un match tra il compositore italiano e la band irlandese in Vivaldi vs Vertigo. Ne abbiamo parlato con lui in un'intervista esclusiva.

Che cosa tiene assieme la musica rock e quella classica?
Lo faccio io! Ed è anche molto divertente... Seriamente, condividono lo stesso senso del ritmo e in entrambe è importante che ci sia un dialogo e un bilanciamento tra i diversi strumenti.

E cosa c'è in comune tra Kurt Cobain e Ludwig van Beethoven?
Sono stati due musicisti innovativi e di talento, che hanno creato un percorso unico e personale all'interno della musica.

Vivaldi contro gli U2 e Vertigo: chi vince?
Secondo me è un pareggio! Entrambi hanno forze differenti e messi insieme tirano fuori il meglio dei loro due mondi, la classica e il rock.

Qual è stata la traccia più difficile a cui lavorare, in Rock Symphonies?
Probabilmente November Rain. Sapevo che in qualche modo avrebbe funzionato, ma c'è voluto molto tempo affinché fosse a posto. Penso che abbiamo fatto almeno dodici versioni e poi la tredicesima è stata quella fortunata.

Come affronta i suoi live?
Con molta preparazione. Per il programma, seguo il mio istinto: è importante che ci sia un buon bilanciamento tra i diversi generi musicali e tra i pezzi più uptempo e quelli più lenti.

È possibile diventare una rockstar suonando il violino?
Non credo che faccia differenza quale strumento suoni, quanto piuttosto il modo in cui lo approcci. E qualsiasi strumento tu suoni, ci vuole tanto lavoro!

Una popstar che le piacerebbe avere nel suo prossimo disco?
Direi Slash, perché il suo ultimo disco mi è piaciuto davvero tanto. In più ho sentito dire che Megan Fox (guarda l'album fotografico) ha una grande voce... e se così non fosse, c'è sempre autotune!