Vasco scrive ai fan su Facebook: "Siete i più belli"
Per sempre Vasco: le foto dell'album

Vasco Rossi è storicamente un personaggio discusso, scomodo, con tanti fan quanti detrattori ma da quando è attivissimo sulla sua pagina Facebook le polemiche sono aumentate esponenzialmente. Dopo la bagarre sulle sue dichiarazioni a proposito di Ligabue e quella con gli oncologi dopo il caso del “non tumore” è ancora la pagina del social network più famoso del mondo a gettare il Blasco in una grana mediatica.

Pochi giorni fa il rocker di Zocca ha affidato un messaggio per il sottosegretario Giovanardi proprio alla sua pagina Facebook.  “Di Marjiuana non è mai morto nessuno”, questa la dichiarazione. Dopo queste parole il Codacons ha deciso di intervenire duramente contro Vasco Rossi rivolgendosi alla polizia postale al fine di chiudere la sua pagina del social network.

Il numero uno dell’associazione dei consumatori, Carlo Rienzi, ha definito il messaggio del Blasco molto pericoloso per le generazioni attuali, queste le sue parole:” Non vogliamo essere né bigotti né censori, ma Vasco non è certo un intoccabile, e riteniamo eccessiva la sua esternazione sulla droga. Un artista del suo calibro non può abbandonarsi con tanta superficialità ad affermazioni a favore della droga, e soprattutto, non può scrivere che l’abuso di marijuana non porta alla morte, perché così facendo lancia un messaggio sbagliato e pericoloso”.

La risposta del Blasco non si è fatta attendere, ovviamente su Facebook:”Non intendo incitare nessuno all’uso di Marijuana ma se non posso esprimere le mie opinioni, fatemi fuori!”.