GUARDA LA FOTOGALLERY

di Floriana Ferrando

Un piede qui, una mano lì, una giravolta e il gioco è fatto. Se la febbre del sabato sera chiama, Lady Gaga (anche questa volta) risponde. Non le basta essere una delle pop star più seguite del momento (tanto da fare indispettire addirittura Madonna) e un’icona di stile (i suoi look stravaganti hanno fatto il giro del mondo), ora miss Germanotta diventa anche una ballerina da imitare.

Mentre già nei mesi scorsi i lettori dell'edizione americana della rivista Rolling Stones l’avevano classifica al quinto posto nella top ten dei migliori musicisti-ballerini piazzandola davanti a personalità del calibro di Prince, Madonna e Janet Jackson, ora il quotidiano inglese The Guardian analizza il suo stile di danza studiandone le mosse in una sorta di guida per aspiranti ballerini.

Così mentre Lady Gaga dice addio alla sua storica coreografa Laurieann Gibson, è lei stessa a diventare maestra di ballo su YouTube. A dire il vero imitarla non deve essere così difficile, basta infatti una veloce occhiata alle sue coreografie per rendersi conto che la cantante sarà anche un ottimo animale da palcoscenico ma in fatto di danza lascia alquanto a desiderare, è tutto un muovere freneticamente le braccia e sgambettare (neanche troppo a tempo) da una parte all’altra del palco.

Prendiamo, per esempio, il video musicale di ‘Bad Romance’, quello che lo stesso Guardian definisce come “il suo migliore lavoro”. È un miscuglio disordinato di passi tutt’altro che originali, basta slittare al minuto 1.22 del videoclip per assistere alla “mossa dell’artiglio” resa nota dagli zombie di ‘Thriller’ di Michael Jackson molti anni fa.



Poca fantasia  anche in altri video di estremo successo. Si passa dal battere le mani a tempo di musica in ‘Telephone’ (al minuto 6.50) al pestare i piedi per terra come se si volesse spegnere con insistenza una sigaretta in ‘Born this way’ (al minuto 3.55). O, a volere essere ironici, come se ci si stesse scottando la pianta dei piedi camminando sui carboni ardenti.



Fra un calcio in aria e qualche saltello sul posto, sono però i movimenti delle braccia i più gettonati. Nella coreografia di ‘Poker Face’ Lady Gaga prima simula una nuotata (anche nel video di ‘Alejandro’ al minuto 7.50), poi fa roteare in aria le braccia tese come fosse un mulino a vento – “windmill”, come la definisce il Guardian – e poi si mette a giocare: prima crea con la mano uno spioncino come per guardare qualcuno dal buco della serratura, poi, non avendo forse ben chiaro il target di pubblico al quale si rivolge, copre e scopre il volto con le mani ottenendo un curioso effetto cucù.



Insomma, le sue coreografie saranno certamente strabilianti dal punto di vista dei costumi di scena e degli effetti speciali ma il talento di Lady Gaga in fatto di ballo è del tutto discutibile. E gli effetti della separazione dalla coreografa ancora tutti da valutare. Una nota a favore della cantante, però, sono i tacchi vertiginosi su cui immancabilmente si esibisce: quella sì è una vera impresa.