Michale Jackson arriva al Lido. Lo fa tramite l'amico Spike Lee col quale ha collaborato e che considerava un amico. Proprio per questo legame forte il regista di Atlanta ha setacciato decine di filmati per realizzare un documentario su Bad, l'album-icona della popstar, che presenterà alla Mostra del Cinema di Venezia.

Spike Lee ha avuto la possibilità di accedere liberamente all'archivio di Jacko: "Vedrete filmati che nessuno ha mai visto, roba che ha girato Michael stesso. E' stata semplicemente un'esperienza splendida. Questo documentario mostrerà un lato più intimo della leggenda del pop, anche grazie alle interviste ad artisti come Kanye West, Mariah Carey e Sheryl Crow. Lo abbiamo diviso in due parti - spiega il regista - artisti di oggi che sono stati influenzati da Michael e persone che allora hanno lavorato fianco a fianco con lui sul seguito del più grande disco di tutti i tempi, che è sempre Thriller".

Il documentario di Lee rientra nelle celebrazioni del 25esimo anniversario dell'uscita di Bad, il disco successivo a Thriller che includeva brani quali Smooth Criminal e The Way You Make Me Feel. Il disco verrà ripubblicato il 18 settembre con canzoni aggiuntive, un dvd e altro materiale.