di Fabrizio Basso

Oggi il rap è una moda. Ma c'è ancora chi riesce a interpretarlo con stile. Che non significa essere talebani dell'hip hop ma saperlo miscelare con altri generi senza snaturarlo. Significa camminare per strada con la testa alta e guardare cosa accade intorno a noi. Entics è così, è un giovane rapper che si è costruito sul campo e non in televisione. Ha il coraggio, oggi che tutti dal presente vogliono fuggire, di ribattezzare il suo disco Carpe Diem, cogli il giorno. Non c'è un po' di incanto in questa logica?

Sky.it lo ha incontrato in un pomeriggio milanese al Berlin Cafè, mitico bar in zona Colonne di San Lorenzo, autentica tana di quella grande famiglia che sono i rapper. L' eloquio di Entics è diretto, il suo sgranare gli occhi testimoniano che sa leggere in filigrana i tempi moderni. Lo fermano e lui si ferma a parlare. E' popolare ma non divo. Che altro aggiungere? Guardate la video intervista e scoprirete che Entics è davvero uno di noi.

(Riprese video di Davide Prà)