di Marco Agustoni

Quando nel giro di poche settimane passi dall’anonimato al palco di X Factor, da lì alla consacrazione durante la puntata finale e poi, come se non bastasse, al palco dell’Ariston con la partecipazione al Festival di Sanremo 2013, ecco, si può dire che hai davvero bruciato le tappe: è ciò che è accaduto a Chiara Galiazzo, vincitrice della sesta edizione del talent show per eccellenza, che nonostante l’umiltà con cui sta affrontando la situazione sembra destinata ad arrivare davvero lontano. Il punto di partenza è l'EP con l'inedito Due respiri, mentre il prossimo appuntamento è con X Factor on Ice il 23 dicembre al Pala Vela di Torino. Abbiamo parlato con lei di questo periodo d’oro.

Come ti senti a essere uscita da X Factor?
Mi manca. Era così bello, c'era tanta gente fantastica e mi sentivo protetta, non c'era nemmeno il telefono. E mi mancano anche i consigli di Luca Tomassini. Ci sarei stata anche un anno, lì dentro... lo rifarei anche l'anno prossimo!

E Morgan?
Morgan mi ha dato anche lui molti consigli, mi ha fatto capire cose di me, soprattutto musicalmente, che non sapevo. E poi ogni volta che veniva per le assegnazioni era molto divertente.

Ti ha sempre messa alla prova...
È vero, ma è andata bene. E poi era uno dei motivi per cui ero contenta di lavorare con lui, perché sapevo che avrebbe osato tanto.

Di quale performance a X Factor 6 sei più orgogliosa?
Tra difetti e difficoltà di ogni esibizione, sono orgogliosa di tutto quanto il percorso. Ma la volta in cui mi sono emozionata di più è stata durante il duetto con Mika.

E Mika non ha mai nascosto la sua ammirazione nei tuoi confronti. C'è una collaborazione in vista?
Chi lo sa, non ne abbiamo parlato. Ma mi piacerebbe tantissimo.

Potendo sognare un altro grande duetto?
Con Mina. Quando poi ho saputo cosa ha detto di me, avevo le lacrime agli occhi.

Il video di Due respiri sarà svelato in anteprima stasera su Sky Uno: ce ne puoi parlare?
Lo ha diretto Marco Salom, siamo andati in riva al mare a Roma. Era la prima volta che giravo un video, per cui mi sembrava un po' strano, ma dal mio punto di vista è venuto davvero bene.

Passiamo alla notizia del momento, la partecipazione a Sanremo 2013...
Sono molto contenta di portare le canzoni di Federico Zampaglione e di Francesco Bianconi. Sono molto diverse da Due respiri di Ramazzotti, ma penso che il divertente sia proprio fare cose diverse.

Paura?
Un po' sì. Ma come ho sempre fatto a X Factor, andrò a settori, perciò penserò soltanto al giorno stesso o a quello successivo. Penso che sia meglio andare lì un po' inconsapevoli. Diciamo che ci vado con l'obiettivo di non fare brutte figure... e di non cadere dalle scale!

Quando hai saputo che avresti partecipato, come hai reagito?

Sono rimasta ammutolita. Poi ho chiamato mia nonna prima del tg, per avvisarla ed evitare che le venisse un infarto.

Ora che sei uscita da X Factor, la vita di tutti i giorni come procede?
Come prima. Però adesso ci metto il doppio del tempo a spostarmi per strada, perché continuano a fermarmi. Ma mi piace chiacchierare con la gente, prima di arrivare qui mi sono fermata con una signora a bere un caffè e mi ha raccontato della sua vita. Dentro casa mia in ogni caso, con le mie coinquiline è rimasto tutto uguale. E da questo ho capito che ho delle amiche davvero intelligenti.