di Fabrizio Basso

Imperscrutabile anche per i cantautori più impegnati. Quelli che il primo maggio lo celebrano ogni mattina a colazione, a lambrusco e bella ciao. Giulio Andreotti chissà quante volte è stato puntato da qualche artista impegnato ma i pensieri sono sempre rimasti sfuocati. Un po' come la sua vita: nitida al centro ma dai contorni indefiniti e indefinibili. Ecco tre esempi di musica e parole che hanno incontrato il defunto Senatore a vita.

L’uomo falco di Antonello Venditti è inserito nell'album Sotto il segno dei Pesci, uno dei più amati del cantautore romano. La canzone non è mai stata ufficialmente ricondotta a Giulio Andreotti ma alcuni versi è difficile disgiungerli da lui: L'uomo falco vola in alto/sul suo trono di diamanti/per natura nega sempre/ed è muto come un pesce e poi ancora lui è un bravo ragazzo/e se qualcuno lo accusa/se ne lava le mani perché/perché lui porta la cravatta/il sorriso più smagliante/ha una banca che lo aspetta/e un aereo sempre pronto.

Francesco Baccini non gioca con l'equivoco e l'ambiguità, dedica  una canzone ad Andreotti e la chiama Giulio Andreotti. D'altra parte il disco si intitola Nomi e Cognomi e dunque è impossibile giocare sull'equivoco. Quando è uscito, nel 1992, c'era molta apprensione perché a quell'epoca era Presidente del Consiglio. E' una canzone molto ironica, che allude a tutte le critiche che riceve: Chi ha permesso il calo della borsa?Andreotti/Ma lasciatelo stare, poverino/questo dargli addosso è assurdo e cretino./Chi ha sbagliato manovra? Andreotti/Chi c'e' dietro la piovra? Andreotti./Siamo tutti pieni di pregiudizi/convinti di pulir l'Italia da tutti i vizi./Giulio ti salvero u-uo u-uo/sarò il tuo don chisciotte eh eh.

Fabrizio Moro nel suo album L’inizio ha incluso la canzone Io so tutto. L'intero testo viene inteso come una dichiarazione del Presidente del Consiglio Giulio Andreotti. E' quasi una poesia, che scivola spesso sulla parola amore, ma la cui essenza può essere racchiusa in questi versi: L'inizio è musica,/l'inizio è vita/ è ogni cosa che sia mai esistita/è la storia che ora prende forma.