di Andrea Bassi

La società americana Nielsen ha iniziato a monitorare con regolarità i programmi tv più visti sul web. Il dato più interessante è che le serie stravincono sugli altri programmi (con poche eccezioni, come il mitico Saturday Night Live, al secondo posto). Lost è in testa alla classifica. In terza posizione troviamo Grey’s anatomy, seguito da Desperate Housewives.
Sul blog Nielsen sono disponibili i dati relativi al mese di maggio 2009. Il campione tratta i siti ufficiali dei network  (che in molti casi negli Stati Uniti ripropongono la visione Internet in diretta o a ridosso dalla messa in onda tv) o altri siti che hanno accordi per la visione parziale o integrale  a pagamento dei singoli episodi.
E proprio Internet  avrebbe giocato un ruolo chiave nel caso della riconferma della serie Dollhouse. Lo show di Joss Wedon, già creatore di opere di culto come Angel, Buffy e Firefly, ha raccolto consensi in rete prima e in misura maggiore che in tv. I suoi fan, infatti, sono stati protagonisti di una campagna di opinione favorevole alla serie, scrivendo articoli, animando forum, comprando merchandising prima ancora che la serie stessa venisse messa in onda. Poi, la popolarità in rete si è tradotta in vendite on line dei singoli episodi su I-Tune, nella visione in streaming a pagamento su siti come Hulu e nei pre-order dei dvd.


Lost: la gallery
Grey’s anatomy: la gallery
Desperate Housewives: la gallery