di Andrea Bassi

In 5 anni di Lost si è accumulato un tale groviglio cervellotico di misteri - dicono i detrattori della Serie TV più intrigante (ed intricata) di sempre - che se anche l’ultima stagione fosse un lungo filmato "Orientation", col Dr Caldle che parla ininterrottamente, non basterebbe a spiegare tutto.
I fan non la pensano allo stesso modo. L’apertura dal sapore mitologico del doppio episodio conclusivo della stagione 5, in cui finalmente vediamo Jacob in carne ed ossa raffigurato in una esplicita allegoria delle Parche ha infatti rimescolato le carte di tutte le “teorie” finora prodotte. E, sebbene lasci ancora molte questioni in sospeso, ha fatto chiarezza sullo scenario d’insieme in cui si muove tutta la vicenda Lost. Curiosando tra i Forum dedicati, tra i quali in particolare Lost in Progress, Telefilm Central , Lost Italia, è possibile fare il punto della situazione.

Nell’isola non è solo in corso una lotta tra fazioni rivali di uomini. Si gioca uno scontro ben più grande che vede contrapposti i concetti di Destino e Libero Arbitrio, personificati nelle figure (divine?) di Jacob e dell’Altro, suo misterioso Amico/Antagonista. Il riflesso di questa lotta illumina tutti gli altri conflitti che ci vengono mostrati dall’inizio della vicenda. Dall’opposizione tra le pietre bianche e nere del backgammon a quella tra Fede e Scienza, la partita in corso riguarda il Destino dell’Uomo. Di cui l’isola, con il suo collasso spazio-temporale, sembra il punto di origine e quello di arrivo. Jacob è il fautore del “progresso”, il creatore di tutte le civiltà, tessitore della grande tela della Vita. L’Altro è la potenza distruttiva (il fumo nero?), colui che difende l’Isola dall’intrusione di esseri che: “arrivano, combattono, distruggono, corrompono...”
Suffragata dall’analisi dei geroglifici all’interno del tempio in estrema sintesi questa sembra essere la teoria più accreditata.
In attesa della sesta ed ultima stagione della Serie, gli autori di Lost dribblano abilmente le domande dirette ma danno anche alcune certezze. Al Roma Fiction Fest Carlton Cuse e Damon Lindelolf hanno raccontato come è stato deciso il modo in cui si sarebbe arrivati al finale della Serie. Al Comic Con di San Diego  i due hano invece ha detto chiaramente che “la stagione dei viaggi nel tempo è finita, così come quella dei flash forward”. Inoltre - come ci aveva già abituato la vicenda della “morte” di Locke - rivedremo diversi personaggi apparentemente usciti di scena, come per esempio Juliet.
In attesa di gennaio 2010 per la stagione che “chiarirà tutti i misteri”, su Youtube circolano già alcuni bellissimi (e non ufficiali) promo della stagione 6