di Marco Agustoni

Guarda la fotogallery di
The Walking Dead

Guarda il trailer di The Walking Dead

Che cosa faremmo se ci ritrovassimo nel bel mezzo di un’invasione di morti viventi? Questa domanda sembrano essersela posta in molti, vista la lunga serie di produzioni televisive e cinematografiche incentrate sugli zombie, e noi l’abbiamo posta ad Andrew Lincoln, protagonista della nuova e promettente serie tv di Frank Darabont The Walking Dead, in onda su Fox, canale 110 di SKY, a partire dal primo di novembre (consulta la Guida TV per scoprire la programmazione).

Può presentarci in breve il suo personaggio, Rick Grimes?
Oh, Rick è il poliziotto del suo paese. È un uomo di tutti i giorni che si trova costretto a confrontarsi con una situazione incredibile, un’invasione di zombi, e fa ricorso a tutte le sue risorse per tirare fuori se stesso e gli altri dai guai. Sono stato contentissimo di poterlo interpretare, è un personaggio con una grande umanità.

Ha letto il fumetto da cui è tratta la serie?
Sì, prima di iniziare le riprese ho cominciato a leggerlo, ma poi ho smesso. Non volevo saperne troppo, volevo scoprire man mano come andavano le cose assieme al mio personaggio, così da viverne meglio lo stupore, lo sconforto…

Come mai pensa che i film e le produzioni sugli zombi siano tornati, negli ultimi anni, a godere di una tale popolarità?
Prima di tutto, penso che siano storie ben raccontate, quelle che piacciono al pubblico. In secondo luogo credo che con questi racconti le persone si trovino di fronte a paure ataviche, a situazioni in cui quella che è in gioco è la pura e semplice sopravvivenza, e penso che questi sentimenti siano radicati nel profondo di ognuno di noi.

Lei cosa farebbe nel caso di un’invasione di morti viventi?
Eh… mi piacerebbe tanto comportarmi come il mio personaggio, ma temo che non sarebbe così. Credo che prima di tutto cercherei la mia famiglia per assicurarmi che sia in salvo. Non è facile da dirsi, è il tipo di situazioni estreme in cui viene fuori il vero carattere delle persone ed emerge chi è destinato a essere un leader.

Qual è il suo film horror preferito?
Ce ne sono tantissimi, non è facile scegliere. Ma tra quelli che amo di più c’è sicuramente Shining, perché è girato in maniera magistrale.