Guarda anche
La fotogallery dell'ultimo episodio di Glee
La fotogallery di Santana
La fotogallery di Brittany

Li chiamavano perdenti e hanno vinto quattro Emmy Awards, ben tre Golden Globes e si sono aggiudicati due nomination ai Grammy Awards. Li chiamavano sfigati e hanno conquistato milioni di telespettatori in tutto il mondo. Li chiamavano dilettanti e hanno venduto milioni di dischi dominando le classifiche americane e internazionali. Questa è GLEE, la commedia musicale nata dalla penna di Ryan Murphy (Nip/Tuck, Eat Pray and Love) e diventata un vero e proprio fenomeno in tutto il mondo che torna con il momento più atteso: il finale di stagione in onda giovedì 26 maggio alle 21:50 su FOX (canale 111 di Sky).

Dopo tanti sacrifici, sfide e competizioni è giunta l’ora della resa dei conti per la squadra delle Nuove Direzioni del liceo McKinley. Il palco per l’ultima sfida è il più prestigioso, quello delle gare nazionali a New York, dove i ragazzi dovranno affrontare ancora una volta gli sfidanti e rivali di sempre; i Vocal Adrenaline. Una sfida attesissima quella che vedrà i due gruppi affrontarsi a colpi di canzoni e coreografie, con una cornice d’eccezione: la grande mela.

Nell’ultimo episodio ritroveremo Rachel (Lea Michele) sempre più combattuta tra Jesse (Jonathan Groff), il leader dei Vocal Adrenaline, e Finn (Cory Monteith) si esibirà con Kurt (Chris Colfer) su un palco di Broadway, esperienza che le farà capire cosa vuole realmente fare nella vita. Nel frattempo, Brittany (Heather Morris) realizzerà la sua prima canzone originale, non raggiungendo proprio i risultati sperati…
Nel corso dell’episodio, uno dei più costosi della storia delle serie televisive, ben 6 milioni di dollari, i ragazzi delle rispettive squadre eseguiranno ben 8 canzoni tra cui una cover di Madonna I Love New York, la canzone Pretending eseguita da Finn e Rachel, Yeah di Usher e una canzone inedita dall’album di Matthew Morrison (il professor Will Shuester nella serie) Still Got Tonight. Inoltre nel’ultimo episodio reciterà anche in qualità di guest star anche l’attrice e cantante Patti LuPone (30 Rock, Ugly Betty, Oz) nei panni di se stessa.

Non è ancora tempo di vacanze per gli interpreti di Glee. Appena terminate le riprese della seconda stagione della serie, i ragazzi si sono dovuti concentrare sulle prove dell’evento dal vivo che li vedrà protagonisti in diverse città degli Stati Uniti e del  vecchio continente durante l’estate.
Ideato dallo stesso creatore della serie, Ryan Murphy, il GLEE LIVE! IN CONCERT! è un vero e proprio concerto dal vivo in cui il cast della serie si esibisce cantando e ballando le hit che lo ha reso famosi in tutto il mondo come “Empire State of Mind,” “Toxic, “ “My Life Would Suck Without You,” “It’s My Life,” e naturalmente il cavallo di battaglia della serie “Don’t Stop Believin’. Le tappe europee prevedono concerti nelle città di Manchester il 22 giugno al MEN Arena, a Londra il 25 e il 26 giugno presso lo O2 Arena e a Dublino il 2 e il 3 Luglio presso lo O2 Arena.

Numerosi i premi che la serie ha collezionato in due anni: quattro Emmy Awards tra cui uno a Jane Lynch come miglior attrice non protagonista e uno a Ryan Murphy per la miglior regia dell’episodio pilota; tre Golden Globe nel 2011 (miglior serie televisiva comedy e Chris Colfer e Jane Lynch migliori attori non protagonisti);  un Golden Globe nel 2010 (miglior serie televisiva comedy). Ma in questi due anni la serie è stata premiata con numerosi altri riconoscimenti quali: Casting Society of America, Costume Designers Guild of America, Motion Picture Sound Editors, Satellite Awards, Screen Actors Guild Awards, Television Critics Associations Awards, People’s Choiche Award.

Tra i molti record detenuti dalla serie, c’è quello per il numero di canzoni entrate nella chart list dei singoli più venduti. Con 113 brani, Glee ha battutto il record precedentemente detenuto da Elvis Presley che si attestava a 108.  La serie non ha superato solo il grande Elvis, ma anche nomi del calibro di James Brown (91), Ray Charles (74), Aretha Franklin (73) e perfino i Beatles (71). Inoltre, in due stagioni televisive, la serie si è aggiudicata ben 2 dischi di platino, due dischi d’oro e ben due Grammy Awards.