Guida TV: scopri quando va in onda The Killing


di Linda Avolio


Chi ha ucciso Rosie Larsen? Con questa domanda che strizza l’occhio direttamente a quella che fu un cult di inizio anni Novanta, Twin Peaks, si apre la serie The Killing, adattamento americano di una serie danese del  2007, Forbrydelsen.
La prima stagione della produzione nordeuropea era formata da venti episodi e appunto ricostruiva passo dopo passo l’indagine per scoprire l’assassino della giovane Nanna Birk Larsen.
AMC, il canale via cavo che ne ha acquistato i diritti ha però deciso di suddividere in due blocchi la storia, e così dovremo aspettare la fine di questa seconda stagione per scoprire chi ha ucciso Rosie, la versione americana di Nanna.

L’anno scorso gli spettatori rimasero piuttosto spiazzati dalla scelta di non rivelare l’identità del killer, ma in realtà la scelta di AMC di spezzare in due tronconi quella che in Danimarca era stata un’unica stagione si è rivelata azzeccata, perché ha permesso di far crescere la tensione e di approfondire l’analisi dei personaggi principali.

Ma appunto, dove eravamo rimasti? Il finale della prima stagione lasciava aperti molti interrogativi: dov’è scappata Mitch Larsen? Che cosa nasconde davvero Stephen Holder? Come reagirà Sarah Linden alla scoperta del potenziale tradimento del collega? Chi darà giustizia a Stan Larsen? Chi è davvero il candidato sindaco Darren Richmond? Ma soprattutto: chi ha ucciso Rosie Larsen?

Tra pochissimi giorni avrete le prime risposte ad alcune di queste domande, perchè basterà sintonizzarsi su Fox Crime il 4 aprile alle 21:55 per il primo episodio della seconda stagione di The Killing.

Nel frattempo vi lasciamo in compagnia di un video in cui ci viene presentato e raccontato uno dei personaggi principali della serie, presente praticamente in ogni episodio e di cui non si è parlato abbastanza: la pioggia.
Perché da quello che ci mostra la serie, pare che a Seattle in autunno piova tantissimo. Quindi, casomai vi venisse voglia di fare un giro da quelle parti in quel periodo, non fate come Linden e Holder, siate più furbi e portatevi un ombrello!