Finalmente c’è una data di lancio italiana del settimo capitolo di Dexter: l’appuntamento è per il 12 novembre 2012 su FoxCrime, e finalmente sapremo cosa succederà dopo il cliffhanger del finale della sesta stagione. Perché ora Deb sa chi è, anzi, cos’è suo fratello, e d’ora in poi niente sarà più come prima.

Se il tema dello scorso anno era la fede, quello di quest’anno è senza dubbio il prezzo della verità, che, come è facile immaginare, nel caso di Dexter sarà senza dubbio molto alto.
Se da un lato siamo portati a tifare per il nostro amato giustiziere oscuro, dall’altro non possiamo non ammettere che scoprire di avere un fratello che è un serial killer, e poco importa che in realtà contribuisca a rendere il mondo un posto migliore togliendo di torno un po’ di spazzatura umana, sia uno shock non indifferente. Perché Deb crede profondamente in quello che fa, nel suo ruolo di tenente, e soprattutto crede nella legge, e ne ha un profondo rispetto.

Ma la sorella non sarà l’unica persona con cui Dexter dovrà fare i conti, perché a dargli un bel po’ di grattacapi aggiuntivi ci penseranno Luis (il bizzarro aiutante di Masuka), LaGuerta (che riaprirà vecchie ferite e vecchie indagini) e il villain di questa stagione, Isaac Sirko, interpretato da Ray Stevenson.

Questo settimo capitolo, il penultimo, e l’ottavo – che è già stato ordinato e che probabilmente sarà più lungo dei precedenti, in modo da raggiungere il traguardo dei 100 episodi totali – sono stati concepiti come un blocco narrativo unico, molto coeso, per arrivare a un finale di serie e a una chiusura soddisfacente.