La legge dei sei gradi di separazione ha preso ispirazione proprio da lui. E così pure l'Oracle of Bacon, ovvero il programma informatico che a partire dai dati raccolti da IMDB stila la classifica delle 1000 star del cinema con più "connessioni". E, cioè, quelle che nella loro carriera hanno recitato con il maggior numero di attori e che quindi hanno meno gradi di separazione con il resto di Hollywood.

Nonostante il programma si basi proprio sul "numero di Bacon", non è affatto il superpoliziotto protagonista di The Following a guidare la classifica delle star con più connessioni (o "follower", come sarebbe meglio dire se si volesse seguire il linguaggio della serie tv...).

Secondo gli ultimi dati rilasciati da Patrick Reynolds, ideatore dell'Oracle of Bacon, Kevin Bacon si trova solo in 444esima posizione. Mentre sui primi tre gradini del podio ci sono star del calibro di Dennis Hopper, indimenticato protagonista di Easy Rider scomparso di recente, Harvey Keitel, protagonista di decine di pellicole tra cui quelle più note di Quentin Tarantino (come Le Iene e Pulp Fiction), e Donald Sutherland, altro attore dalla filmografia infinita (Il Casanova di Fellini, JFK, Orgoglio e Pregiudizio, The Hunger Games).

Nella top 10 (guarda la Gallery) ci sono altri volti notissimi di Hollywood e dintorni: David Carradine (anche lui scomparso di recente e noto in Italia soprattutto per aver ricoperto il ruolo di Bill in Kill Bill), il tedesco Udo Kier (protagonista di molte pellicole di Lars Von Trier) e poi Martin Sheen, Michael Caine, Max von Sydow (l'uomo che gioca a scacchi con la morte nel Settimo Sigillo), Michael Madsen (altra "iena" di Tarantino) e Seymour Cassel.

Scorrendo la top 40 pubblicata da Buzzfeed, non può non saltare all'occhio come i signori che si trovano al centro di Hollywood sono quasi tutti maschi, bianchi e… vecchi. Molti di loro hanno interpretato il ruolo dei cattivi. Sono pochissimi, comunque, quelli di colore (Danny Trejo, Samuel L. Jackson, James Earl Jones, James Hong) e ancora di meno le donne (solo due: Faye Dunaway e Karen Black).

L'ideatore dell'Oracolo di Bacon ha spiegato così questa anomalia: "Gli attori più connessi non sono solo quelli con una lunga carriera alle spalle, ma anche quelli che hanno recitato con team diversi. Se stai solo in uno studio di Hollywood lavori sempre con le stesse star, ma se vai a fare anche film in Francia, puoi entrare in connessione con molti altri attori".