di Linda Avolio


A quanto pare il vero serial killer di The Following è lo stesso autore della serie, Kevin Williamson.
Non pago di aver eliminato metà del cast principale lungo il percorso, ecco che il buon Kevin – già ideatore della saga cinematografica di Scream – nel finale ha pensato bene di togliere di mezzo anche buona parte dei pochi sopravvissuti, e così eccoci qui a fare la conta dei personaggi deceduti e di quelli che ancora (ma per quanto?) respirano.

Sicuramente morti: l'Agente Troy Riley (accoltellato a morte nel terzo episodio), Paul (soffocato da Jacob nel nono episodio), Roderick (ucciso da altri adepti di Carroll nel tredicesimo episodio), Jacob (accoltellato a morte da Emma nel quattordicesimo episodio) e l'Agente Debra Parker (morta di asfissia nel quindicesimo episodio dopo esser stata rinchiusa viva in una bara e sotterrata in un bosco).
A parte l'Agente Riley, che non abbiamo avuto modo di conoscere approfonditamente, gli altri ci mancheranno, specialmente la povera Debra, che ha fatto una fine davvero orribile. Cattivo Kevin, cattivo!

Molto probabilmente non morti: a meno che Williamson non voglia fare un reboot della serie, ci sentiamo abbastanza sicuri di poter affermare che Ryan Hardy tornerà anche nella prossima stagione. Ancora più acciaccato di prima (non dimentichiamoci del pacemaker), ma ancora operativo.
L'altro nome che ci sentiamo di azzardare è quello del big bad, Joe Carroll. E' vero, nel finale è stato detto che dal test preliminare del DNA e dalle impronte dentali pare che il cadavere ritrovato nel capanno andato a fuoco sia proprio il suo, ma chi ha visto la saga di Scream sa che il cattivo torna sempre, specialmente quando viene dato per morto.

Probabilmente morti (?): alla fine dell'ultimo episodio, Claire viene accoltellata da Molly, ma, a differenza di Ryan, non ci sentiamo di affermare che se la caverà. Se morisse, ciò rappresenterebbe una svolta importante nell'evoluzione (o involuzione) del nostro amato damaged hero, ma a quel punto Hardy non avrebbe più niente per cui lottare.
D'altro canto è anche vero che la relazione tra Joe e Ryan è molto più avvincente di quella tra Ryan e Claire, quindi la presenza della donna nel prossimo capitolo televisivo non è fondamentale. Ad ogni modo, per ora non ce la sentiamo di fare previsioni...chi vivrà, vedrà!

Vivi: Emma (che vediamo per l'ultima volta piangente e imparruccata in un pub/ristorante mentre alla TV passa un servizio che conferma la morte di Carroll), Molly (che sferra coltellate a destra e a manca), l'Agente Mike Weston (che è devastato dalla morte dell'Agente Parker), il piccolo Joey (che ormai potrebbe anche essere orfano), Diedre Mitchell (AKA la tizia dell’FBI che fa le ricerche al computer e che occasionalmente proferisce parola) e l'Agente Nick Donovan (che si ritrova con un occhio solo, ma poteva anche andargli peggio!).


A questo punto non rimane che chiedersi: cosa diavolo succederà nella seconda stagione? Cari fan della serie, armatevi di pazienza e cercate un modo per passare al meglio i mesi che ci separano dal prossimo capitolo.

Magari fate un bel viaggio, datevi allo sport, studiate una lingua straniera, o meglio ancora: guardate Spartacus: La guerra dei dannati, al suo debutto esclusivo per l'Italia martedì 14 maggio alle 22:00 su Sky Uno.
Invece vi consigliamo caldamente di non seguire l'esempio di Carroll e di non darvi alla scrittura...d'altronde, a lui non è andata molto bene!