di Linda Avolio


Dura la vita del cosplayer: non solo bisogna assomigliare fisicamente almeno un po’ al character che si intende interpretare, ma bisogna anche impegnarsi per ricreare i costumi indossati da personaggi.
Forse è per questo motivo che non si vedono in giro cosplayer di Spartacus: tra i fisici super scolpiti degli attori e gli abiti di scena (che sono molto più elaborati di quanto non possano sembrare), è facile capire come mai la serie casa Starz non sia tra le più reinterpretate!

Per la questione “pettorali, bicipiti e affini” c’è poco da fare: palestra, palestra, palestra! Per quanto riguarda invece i costumi, ecco la buona notizia: nel video che trovate qui sotto, Barbara Darragh, la costume designer di Spartacus, vi spiega come ha creato gli indumenti indossati dai personaggi nella terza stagione.



Anzitutto c’è lo studio preliminare, ovvero disegni e modellini, che poi si traducono negli strepitosi abiti indossati dagli attori. Dalla prima alla terza stagione della serie, infatti, c’è stato un evidente passo avanti riguardo i costumi, soprattutto quelli dei ribelli: se prima Spartacus, Crisso e compagni erano prevalentemente in sandali e “mutandoni” (questa era la tenuta ufficiale dentro il ludus di Batiato), ora che sono letteralmente in guerra contro i romani si ritrovano invece a indossare creazioni più elaborate, che a tratti ricordano vere e proprie armature.
Anche gli abiti dei personaggi femminili hanno subito un’evidente evoluzione, specialmente quelli di Naevia e Saxa, ora vestite come delle vere guerriere dalla testa ai piedi.

Ad aver però subito il restyling più evidente è proprio il costume del protagonista, che sulla corazza (in pieno stile romano) e sui bracciali porta ora un serpente.
Ricordate il primissimo episodio, quando Sura, la moglie di Spartacus, raccontava al marito di averlo sognato? La profezia era chiara: il trace sarebbe stato destinato a cadere in ginocchio di fronte a un serpente rosso. Poco dopo, quando Spartacus viene portato a Capua e viene fatto combattere nell’arena in catene, il gladiatore contro cui il nostro eroe si trova a lottare ha uno scudo con sopra disegnato proprio un serpente rosso. Come ben ricordano i fan, il trace vinse quella battaglia...ma siamo sicuri che Sura si sia sbagliata?

Anche Crasso e Cesare, i due antagonisti principali di questa stagione, hanno due animali a rappresentarli: il primo, l’uomo più ricco della Repubblica, ha il toro, che ritroviamo nei numerosi e curati dettagli della sua armatura e anche sull’anello, usato come sigillo. Il secondo, invece, ha come animale-simbolo il lupo, una scelta perfetta per un giovane combattente astuto e aggressivo come lui.


L’appuntamento con Spartacus: La guerra dei dannati è ogni martedì alle 21:10 su Sky Uno, mentre quello con gli episodi in versione integrale è il giovedì, sempre su Sky Uno ma in seconda serata.