L'attore americano James Gandolfini, noto soprattutto per il suo ruolo del boss Tony Soprano nella serie tv I Soprano, è morto ieri durante una vacanza a Roma per un sospetto attacco cardiaco. Aveva soltanto 51 anni. Dopo la fine della serie nel 2007, Gandolfini ha recitato in Zero Dark Thirty (2012) e The Incredible Burt Wonderstone (2013, non uscito in Italia).

L'attore, nato in New Jersey da genitori italoamericani, per la sua interpretazione del boss malavitoso aveva ricevuto ben tre Emmy come migliore attore e stava ora lavorando a una nuova serie della HBO, intitolata Criminal Justice. Gandolfini era atteso il prossimo fine settimana al Festival del cinema di Taormina, dove doveva partecipare a una tavola rotonda insieme al regista Gabriele Muccino.

La notizia, apparsa sul sito TMZ, è stata confermata dai suoi agenti Mark Armstrong e Nancy Sanders: "Lui e la sua famiglia facevano parte della nostra famiglia". Increduli anche i responsabili dell'HBO, il network televisivo che ha mandato in onda la serie: "Un'incommensurabile tristezza. Era un un uomo speciale, un grande talento, che con il suo straordinario senso dell'umorismo, il suo calore e il suo rispetto, ha toccato molte persone".

Le star dei Sopranos si sono riversate su Twitter per parlare di lui. Il creatore del telefilm, David Chase, lo ha ricordato come un genio: “Lo sa chiunque lo abbia visto anche nel più piccolo ruolo. È stato uno dei migliori attori di questo tempo e di qualsiasi altro. Gran parte di quel genio si trovava nei suoi occhi tristi”. Il produttore esecutivo Brad Grey ha invece ricordato una caratteristica meno evidente: “Aveva il sex appeal di Steve McQueen o di Brando nei suoi anni migliori”.

Anche gli interpreti, da Lorraine Bracco a Steven Van Zandt, hanno parlato della perdita di un fratello, un grande amico, un attore incredibile, ricordando la famiglia dell’attore, la moglie Deborah e i figli Michael e Lily. Le condoglianze via social network non si sono limitate al mondo dei Sopranos: tutta Hollywood ha espresso il suo pensiero, compresi il comico Jimmy Fallon, “Mi spiace di più per James Gandolfini che per chiunque altro”, e Gavin Rossdale “Che tristezza, che attore incredibile. Un’altra perdita. Siate buoni gli uni con gli altri. È tutto così breve”.