di Linda Avolio


Il momento della resa dei conti per il serial killer più amato del piccolo schermo è sempre più vicino: l'ultima stagione di Dexter, l'ottava, è attualmente in onda negli U.S.A., mentre in Italia sarà trasmessa a settembre su FoxCrime.

Il settimo capitolo televisivo di Dexter, come ben ricorderanno i fan, si è chiuso con un cliffhanger davvero da brividi: per salvare il  fratello ed evitargli il carcere a vita (e probabilmente la condanna capitale), Debra spara al capitano Maria Laguerta, che ha scoperto la vera identità del "macellaio della baia di Miami". Se fino a quel momento gli equilibri erano stati precari, ora si sono completamente ribaltati, e non c'è dubbio che il rapporto tra i due fratelli, ormai completamente logoro, sarà al centro dell'ottava stagione.


Per ingannare l'attesa, e per immergerci nuovamente nel mondo e nella mente del killer dei serial killer, ecco tre teaser messi online da Showtime sul suo canale ufficiale di YouTube.

Il primo si intitola Vetting, stalking and killing (Controllare approfonditamente, braccare e uccidere). Il commento di sottofondo di Dexter è chiaro, anzi, cristallino: Controllare approfonditamente, braccare e uccidere persone è ciò che faccio, è l'unica cosa in cui sono sempre stato veramente bravo. Debra, intanto, si chiede se non abbia sparato alla persona sbagliata... Vediamo poi brevemente un nuovo e interessante personaggio, quello interpretato da Charlotte Rampling, volto e corpo della dottoressa Evelyn Vogel, una neuropsichiatra con cui Dexter entrerà in contatto in un momento davvero particolare della sua vita.




Il secondo teaser si chiama invece The full picture (Il quadro nella sua interezza). Sono sempre stato un mostro molto ordinato – dice Dexter –, ma ultimamente la verità ha iniziato a uscire fuori, e troppe persone hanno visto il quadro nella sua interezza. Sto perdendo il controllo, e l'unica cosa che so con certezza è che non andrà a finire bene...




L'ultimo video, infine, si intitola Masterpiece (Capolavoro). Come vorreste essere ricordati? Ci lasciamo tutti un'eredità alle spalle, qualcosa che è il marchio di quanto abbiamo realizzato. Ma non mi sono mai fermato a riflettere su quello che IO ho creato: diranno che è qualcosa di mostruoso...o diranno che è un capolavoro?